Couchsurfing!

Couchsurfing
Un couchsurfing party a Lione, durante il festival delle luci

LA PIATTAFORMA WEB CHE HA RIVOLUZIONATO IL MODO DI VIAGGIARE

Dormire gratis a casa degli sconosciuti & non solo

Il logo di cs

Quanto sarebbe bello se durante un bel viaggio potessimo fare amicizia con la gente del posto, se i nuovi amici conosciuti potessero farci da guida e portarci a spasso per la loro città, infine, perché no, se potessero ospitarci gratuitamente nella loro casa.  Mentre siamo in viaggio è difficile che incontri del genere si avverino, ma oggi, con la rete, possiamo far sì che tutto ciò accada. Dal 2003 è attivo il social network di Couchsurfing, letteralmente fare surf sul divano. CS nasce con l’intento di creare scambi culturali e ospitalità gratuita attraverso gli incontri fra viaggiatori e gente del posto

 Un prezioso scambio culturale

Katie e Jack sono due ragazzi americani che stanno studiando in Ungheria. Durante una pausa dagli studi hanno deciso di compiere un viaggio nel nord Italia e la loro scelta è caduta su Torino. Si sono dunque iscritti su Couchsurfing e si sono messi alla ricerca di una famiglia disponibile a ospitarli. 
Beh, hanno trovato il mio profilo

Simone, Katie, Francesco e Jack, sul “divano”
couchsurfing gift
Un piccolo dono ricevuto dai divanisti

Mi hanno quindi scritto un messaggio chiedendo ospitalità. Ho accettato la loro richiesta e li ho invitati nell’appartamento che attualmente condivido con la mia famiglia. Il giorno del loro arrivo si sono presentati con due piccoli doni: un paio di graziose tazze ungheresi.

Katie e Jack hanno anche dimostrato profondo interesse verso la cultura italiana e, naturalmente, sono stati entusiasti di condividere la loro, quella americana.
Io e la mia famiglia abbiamo cercato di farli sentire come a casa propria e, insieme, non ci siamo fatti mancare proprio nulla: la passeggiata a Torino, la serata rock al Corner House, la prova al volante in un veicolo senza cambio automatico, la pedalata e la corsa nei boschi, la degustazione dei prodotti locali.

Katie è stata talmente entusiasta della lasagna verde preparata dalla mia mamma, al punto che, una volta ritornata a casa, ci ha subito spedito una sua foto nella quale mostra con orgoglio la buona riuscita della ricetta insegnatale! 

Couchsurfing
La lasagna di Katie, ragazza del Nebraska USA.

Tutto ciò è stato possibile grazie al couchsurfing.

 [Leggi anche: Couchsurfing: ospiti a casa di Chiara]. 

Che cos’è il Couchsurfing?

da WIKIPEDIA: 

Couch Surfing è un progetto che nasce nel 2003 ad opera di Casey Fenton, un giovane programmatore di venticinque anni del New Hampshireche grazie alla passione per i viaggi, con il passare del tempo, è riuscito a instaurare molte relazioni in giro per il mondo, riscoprendo l’esistenza di una grande disponibilità e ospitalità tra persone di ogni cultura e luogo. Proprio grazie a questo decide di creare un programma che possa mettere in comunicazione le diverse persone aperte alla comunicazione e alle nuove conoscenze. .(…) 

Gli iscritti di Couchsurfing sono ormai milioni in tutto il mondo, la maggior parte dei quali è disposta a ospitare turisti stranieri nella propria casa, accoglierli gratuitamente sotto il proprio tetto per una o più notti e portarli a spasso per la città, in maniera gratuita. Occorre solo iscriversi (è gratis), poi scegliere i profili delle famiglie o degli individui che ispirano di più: quindi si invia loro una richiesta di ospitalità e si attende per la risposta.
Alla fine dell’esperienza i divanisti (gli ospiti) e gli host (coloro che ospitano) possono lasciare un messaggio come referenza nel profilo del rispettivo utente. In questo modo vengono garantite sicurezza e fiducia nel sistema Couchsurfing. 

Ecco un esempio di profilo personale con tanto di referenze (in questo caso le mie).

Couchsurfing
Improvvisarsi guida turistica: passeggiata a Torino con ospiti e amici CS

Non solo ospitalità

Couchsurfing è anche molto di più. E’ un sito che promuove incontri, scambi culturali, viaggi, condivisione di informazioni, idee, iniziative. 

In passato ho partecipato a diverse serate d’incontro fra Couchsurfers. Si tratta di serate che offrono la possibilità di incontrare gente nuova, gente del posto o gente straniera, che magari condivide gli stessi interessi per il viaggio, la musica, il cinema, l’arte, ecc. ecc.

Ovviamente ho anche fatto surf sul divano a casa di famiglie straniere. Qui sopra una foto di qualche anno fa a Lione, in Francia, ospiti a pranzo di Amandine e Pio durante il festival delle luci. Ognuno di noi in posa, mentre degustiamo del buon vino francese e ovviamente con la baguette in mano!

Couchsurfing
Couchsurfing a Lyon, in Francia
Mi sono fatto prendere così tanto dall’entusiasmo che alla fine ho organizzato assieme ad altri couchsurfers un evento flashmob attraverso gli strumenti d’incontro di Couchsurfing- dando vita ad uno dei primi freezing di Torino al quale hanno aderito centinaia di giovani. Noi organizzatori, tutti couchsurfers, siamo stati orgogliosi di filmare il risultato del lavoro:
 
Se non visualizzi il video scrivi i termini chiave: freezing flashmob torino piazza castello su youtube.
.
Insomma che aspettate? Iscrivetevi a couchsurfing! E’ gratis.
Ospitate o fatevi ospitare (senza alcun obbligo di fare l’una o l’altra cosa), organizzate incontri o uscite anche solo per un caffè con i vostri nuovi amici internazionali. Vi invitiamo anche a visitare la nostra pagina delle risorse per i viaggiatori dove vi presentiamo altri interessanti social network simili a couchsurfing, come hospitality club. 
.

LEGGI L’ESPERIENZA DI UNA VETERANA DEL COUCHSURFING:

A casa di Chiara: fare surf sul divano

About Simone Dabbicco 38 Articles
Viaggiatore, wwoofer e ragazzo curioso da Torino. In viaggio dal 2009, amo scrivere articoli su paesi, comunità, famiglie e villaggi ecologici dove si vivono culture e stili di vita diversi. Per saperne di più sfoglia il blog, oppure cercami su Facebook.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*