venerdì 22 maggio 2015

L'Arcipelago Sagarote

Una comunità alternativa in Calabria


ecovillaggi

In un mondo sempre più omologato e frenetico, in un paese come l'Italia, che si è spento, si è lasciato andare alla corruzione, all'apatia, alla disillusione, al lassismo, si sono sparsi un po' ovunque, come macchie di un morbillo, piccoli baluardi di resistenza. Resistenza non solo intesa come lotta al fascismo, ma anche come lotta al consumismo, alla frenesia, all'individualismo, alla competitività, ai valori vuoti che dominano questa società. Questo morbillo di resistenze è ancora debole, ma potenzialmente contagioso, e forse, si spera, porterà al cambiamento, al risveglio di nuove coscienze, visioni, entusiasmi.

Diamante, Calabria
L'isola di Cirella
Uno di questi baluardi si trova in Calabria, in un paese sul mare che è Diamante, di nome e di fatto. Qualche chilometro più a nord, seguendo il lungomare e oltre, si sale su per una collina, fino ad arrivare ad una casa di tre piani, ricoperta di frasi ispirate e murales colorati: la casa dell'Arcipelago Sagarote

comunità intenzionali
La casa

Un terreno collinare boschivo è lasciato crescere selvaggio tutt'attorno (una perfetta "zona 5" per chi mastica permacultura) ma ci sono anche orti, viti e ulivi; infine c'è la vista mozzafiato del mare, e dell'isola di Cirella, che d'inverno torna ad essere abitata dai suoi legittimi proprietari: i gabbiani.

comunità alternative
Una comunità creativa



In questa casa vi abitano tre residenti permanenti, più due asinelle, due cani, galline, e diversi gatti che scorrono liberi. Ci sono poi i visitatori, i volontari, e altra gente di passaggio, ciascuno con una propria storia e background, ma tutti entusiasti di prendere parte ad un affascinante esperimento: quello di vivere in comunità.

wwoofing
Il wwoofer
C'è chi resiste pochi giorni, chi rimane mesi, chi invece non riesce più a fare a meno dell'estasi di stare insieme, ma soprattutto, di vivere in mezzo alla natura.

viaggio lento
Una passeggiata con gli asinelli
L'Arcipelago Sagarote, è un'associazione venuta al mondo nel 2007 per andare controcorrente, non solo perché controcorrente vuol dire distinguersi, per non essere omologati, ma anche per dimostrare che ci sono altri modi per concepire la vita, la società, i sogni, il lavoro.

passeggiata con l'asino

Ogni mattina dopo la colazione, i volontari (spesso wwoofers) vanno giù al campo, per occuparsi dell'orto sinergico, guidati dall'occhio attento di Carlo, che si prende cura anche di due bellissime asinelle e di Ugo, un terzo asinello, introdotto apposta per l'accoppiamento. Poi c'è Sergio, residente temporaneo che si occupa della cucina e Luciana che, assieme a Carlo e Io-Io, hanno fondato l'Arcipelago e organizzano gli eventi della comunità.

orti sinergici

Le storie che si sono susseguite all'interno della casa sono tantissime: storie divertenti, tristi, commoventi, ispirevoli. Dall'Arcipelago Sagarote sono iniziate le avventure lente di molti viaggiatori in cammino, fra cui il cantastorie Biagio e l'asina Genoveffa del sito omonimo viaggiolento.it. Molti altri camminatori, pellegrini, esploratori, wwoofers, hanno attraccato la propria barca al porto di Sagarote, per prendere fiato e staccare dalla città o per ripartire alla ricerca di futuro e altre terre: immaginatevi il via vai di un albergo, solo che questo ha un'anima e offre vera ospitalità, perché slegata da fini economici, perché fatta di rapporti autentici e ognuno può lasciare una traccia di sé.

comunità intenzionale
Vivere in comunità
Come in tutte le famiglie e le convivenze, i rapporti e le relazioni all'interno dell'Arcipelago non sono perfette, ma sono sulla buona strada per una vita serena: i residenti hanno tempo, e tutt'attorno a loro c'è bellezza: dall'immensità del mare azzurro che sovrasta l'orizzonte, fino al contorno di monti e colline che si tinge di rosso quando il sole tramonta. Una poesia non scritta, ma vissuta, tutti i giorni, a cominciare dal canto mattutino dei passeri, fino agli sguardi dolci delle asinelle, dallo spumeggiare delle onde sulla spiaggia, fino all'arrivo delle prime brume crepuscolari. Uno stile di vita davvero affascinante che potrebbe diventare anche vostro, se avete del tempo per farci una visita, o magari viverci, offrendo il vostro aiuto come volontari.

Basta contattare Luciana e Carlo
o visitare il sito


eco-villaggiL'arcipelago cerca di vivere coerentemente con i propri valori e obiettivi, in un contesto rurale, occupandosi della terra e cercando di ristabilire un equilibrio armonico tra l'uomo e l'ambiente; cerca inoltre di occuparsi di agricoltura sociale, inteso come luogo di aggregazione in cui diverse forze, quelle degli ugual-abili e dei divers-abili convivono e cooperano in maniera naturale e lieve.



GUARDA IL VIDEO sull'arcipelago Sagarote:


Altri racconti dall'Italia con Lentezza tour:

viaggiare gratis
PalermoXchange
Baumela
A caccia di Nuraghi
Calajami
Funtaneddas