mercoledì 14 ottobre 2015

Il viaggio... senza veli.

Il lato oscuro del viaggiare


eco-volontari

Chi viaggia a lungo e in maniera economica lo sa benissimo: viaggiare non è per i deboli di cuore


Dalle pagine dei vari blog di viaggio, dai gruppi facebook dedicati al tema -gli stessi dove tutti condividono fantastiche foto di posti esotici e  post motivazionali- può sembrare che chi si mette in viaggio, oppure chi sceglie uno stile di vita nomade viva in un mondo privilegiato e onirico. 

Ma è davvero così? 

In questo post cerchiamo di raccontare il lato oscuro del viaggio, premettendo che non parliamo di viaggio turistico. Il turismo infatti è comodo per definizione e deve garantire una certa soglia di benessere e di relax perché dopo un anno di duro lavoro è giusto che un impiegato si prenda una bella vacanza!

Tutti gli altri tipi di viaggio, invece, (a piedi, in bici, in nave, in autostop, senza soldi, viaggi che noi per comodità definiamo lenti)  sono spesso una vera e propria avventura incognita. Riservano sorprese piacevoli e spiacevoli e soprattutto un alto grado di scomodità. Se per una volta nella vita decidi di voler indossare i panni del viaggiatore piuttosto che quello del turista (scopri qui le 10 differenze), preparati fisicamente e psicologicamente: non sarà una vacanza! Vediamo perché...

turista vs viaggiatore

Viaggiare significa innanzitutto dire addio ai propri spazi personali e alla propria privacy.


dormire sul pavimento
Condividere le stanze con altre persone. Una costante per i giovani viaggiatori e per chi fa couchsurfing.

Infatti, capita spesso di dormire in stanze o in luoghi con tante altre persone spesso sconosciute.


condividere la stanza
Dormire fuori, per terra, o in affollati dormitori. Lo si fa soprattutto per risparmiare, ma c'è anche chi lo trova un buon modo per socializzare.

Viaggiare vuol dire sapersi arrangiare, accontentarsi di ciò che ci viene offerto: il 90% dei pasti, ad esempio, ha l'aspetto di un sandwich o è contenuto in un baracchino...


cibo in scatola
I prodotti liofilizzati e in scatola non mancano mai nello zaino del viaggiatore lento

Quando si viaggia, anche il proprio igiene personale è compromesso: i bagni più frequentati sono quelli delle stazioni pubbliche, oppure, se siete viaggiatori che frequentano le campagne (wwoofer), le compost toilette sostituiranno le comode tazze del gabinetto.


bagni della stazione

Se riesci a fare una doccia, spesso l'acqua è fredda, oppure il flusso che esce dal rubinetto è troppo debole o troppo forte! 


getto della doccia


Tutto ciò che possiedi, durante un viaggio, lo devi trascinare sulle tue spalle...


peso dello zaino
Il problema dello zaino: cosa portarsi dietro e cosa lasciare a casa?


E devi sempre restare vicino al tuo bagaglio perché se qualcuno te lo porta via, è come se andasse a fuoco la tua casa!


Adoro il mio zaino!
Che nessuno tocchi il mio zaino!

Viaggiare significa dormire ogni notte in un letto scomodo differente...


Questo posto non era tanto scomodo, ma era pur sempre una stalla! Unico riparo dopo una lunga camminata sotto la pioggia (Vallo di Adriano, Inghilterra del nord ai confini con la Scozia).

Viaggiare, vuol dire anche bagnarsi. Prendere freddo. 


Camminatori lenti sfidano le intemperie del clima inglese

Scordarsi i comfort a cui si è abituati... 



Viaggiare significa "rinascere", in senso positivo ma anche in senso negativo: in ogni paese straniero devi imparare da capo una nuova lingua, quindi esprimerti a gesti! A volte risulta davvero frustrante.


barriera linguistica

Viaggiare vuol dire non avere certezze, nè sicurezze. Vuol dire attendere a lungo alla stazione del treno, o a lato della strada.


donne che fanno autostop in solitaria
Autostop: una viaggiatrice spera che qualcuno si fermi per darle un passaggio.

Non avere routine, né regolarità. Cambiare pelle, improvvisare, aggiustarsi!



Viaggiare è:
arrendersi all'imprevisto,
alla casualità,
lasciare che il destino ti spinga dove il tuo cuore si adatta meglio...


Arrangiarsi è il segreto per chi vuole viaggiare a tempo intedeterminato

Ma nonostante questo, sapete cosa vi dico?
Amerete alla follia ogni secondo della vostra pazzesca avventura!


Wwoofer sono eco-volontari che si spesano il viaggio lavorando nelle fattorie. Ma il loro viaggio NON è una vacanza.
Questa foto è tratta dalla mia avventura lenta in Italia