venerdì 9 dicembre 2016

L'età non conta

Non importa la tua età, viaggiare non ha limiti

viaggiatori over
Pubblicato sulla nostra pagina FB.

L’età è solo un numero, giusto? Lo si sente dire ovunque si vada. E sì, l’età è solo un numero. Ma quanti di voi ci credono davvero?

Qui a Workaway (organizzazione mondiale di volontariato e scambi alla pari) abbiamo un’età complessiva di 345 anni (ce lo siamo inventato, ma avete capite cosa vogliamo dire) e abbiamo nuove storie di viaggio ogni giorno. E per noi l’età è davvero solo un numero, dormiamo negli ostelli con persone venti anni più giovani di noi, incontriamo persone 20 anni più vecchie di noi (e maledettamente più sagge di noi) e ci imbattiamo in persone con incredibili storie di disabilità.
Ma chi siamo noi per parlare?

Lasciamo che questi viaggiatori parlino per noi, queste persone ci mostrano che il cielo è il limite e come trovino sempre il modo per girare il mondo.


Keith Wright - 95 anni


anziani in viaggio
Keith Wright a 95 anni è “il più anziano backpacker” del mondo

Keith Wright, un pensionato del Queensland, ha cominciato a viaggiare da solo all’età di 85 anni. Il suo primo viaggio fu un giro della Turchia in autobus. Da allora ha viaggiato per il mondo con un budget ristretto, risparmiando denaro negli anni per i voli e gli ostelli. “Ho viste cose che la maggior parte dei turisti non hanno visto perché cammino per le strade secondarie e prendo treni o autobus fino alle città vicine per trascorrere la giornata”, dice. Keith sembra proprio il ragazzo che fa per noi! Dormire in ostelli con budget super limitato a 95 anni!Che tipo!

Cory Lee 


viaggiare con disabilità
Cory Lee gira il mondo sulla sedia a rotelle

L’obiettivo di Cory è quello di visitare ogni continente, persino l’Antartide, sulla sua sedia a rotelle.

Dopo la diagnosi di atrofia muscolare spinale all’età di 2 anni, Cory, che ora ne ha 26, ha sempre vissuto sulla sedia a rotelle. Tuttavia, non permette che questo gli impedisca di viaggiare per il mondo e ha addirittura avviato il suo blog personale sui pro e i contro del viaggiare con una disabilità, con tantissimi consigli per altri viaggiatori su sedia a rotelle. Cory è un’ispirazione continua per il mondo dei blogger e uno dei più talentuosi scrittori là fuori!

Karen Edwards


viaggiare con bambini piccoli
Una neonata di 10 settimane gira il mondo per 10 mesi

Quando hai 9 mesi di maternità, perché non viaggiare per il mondo con il tuo bambino appena nato? Karen Edwards, 31 anni, e il suo compagno Shaun Bayes di Londra hanno fatto esattamente questo! Dopo aver preparato uno zaino, la famiglia ha messo via il resto delle proprie cose, venduto la propria auto e dato in affitto la propria casa a Londra! Hanno viaggiato attraverso l’Asia, l’Australia e la Nuova Zelanda per 10 mesi durante il loro congedo dal lavoro. “Prima che rimanessi incinta io e Shaun eravamo dei backpacker convinti e tutti hanno pensato che fossimo matti quando abbiamo detto che avremmo portato con noi Esmé dopo il suo arrivo” dice Karen. Forse abbiamo trovato la backpacker più giovane del mondo?

Tony Giles


disabilità
Tony Giles non vedente e sordo all’80 % da entrambe le orecchie

Tony ha messo piede in tutti e sette i continenti del pianeta, ha raggiunto il suo obiettivo di visitare tutti i 50 stati U.S.A., attraversato il circolo polare artico, visitato tutti gli stati sudamericani e le dieci province canadesi. È totalmente cieco e sordo all’80% da entrambe le orecchie senza i suoi apparecchi acustici e, inoltre, ha subito un trapianto di reni nel dicembre del 2008. Ha scritto diversi libri sulle sue avventure in giro per il mondo e ha un suo sito web.
I libri rappresentano dei diari di viaggio sulle osservazioni e le esperienze di una persona non vedente durante i suoi viaggi in giro per il mondo. Ora, davvero pensiamo di non avere più scuse per non viaggiare!?

Megan


viaggiatori con malattie diagnostiche
Una donna visita le sette meraviglie del mondo dopo la diagnosi di cancro

L’anno scorso Megan, 31 anni, è caduta mentre si arrampicava nello Yosemite National Park. Subito dopo è stata colpita mentre guidava una Vespa. E ancora, poco tempo dopo, le è stato diagnosticato un cancro alla pelle. Tutto nello stesso mese. È stato allora che ha realizzato che non ci sarebbe stato momento migliore di quello per completare la sua lista di cose da fare prima di morire e visitare tutte le sette meraviglie del mondo, in soli 13 giorni! ”Tutti quanti hanno un’unica possibilità di vivere la vita che vogliono vivere” ha detto Megan “È solo questione di ascoltare se stessi.”

Che storie d’ispirazione! Nonostante capiamo che viaggiare non sia possibile per chiunque al mondo, non importa che sia per l’età, disabilità, soldi o altro, pensiamo che quelli che REALMENTE lo desiderano possono trovare il modo. Perciò, ragazzi, continuate a viaggiare!

Tratto da:
Tradotto da:
Laura Muzi

LEGGI ANCHE:
Con lo zaino in spalla a tutte le età!