sabato 31 dicembre 2016

Scuola libertaria: cercasi insegnante

EDUCARE LE NUOVE GENERAZIONI CON METODI ALTERNATIVI


homeschoolingCari viaggiatori lenti (e non)
vi inoltriamo il messaggio che ci ha mandato Silvia, rappresentante di una scuola lenta in Toscana. Speriamo che la cosa possa interessare a qualcuna/o di voi o che possiate essere d'aiuto a questa iniziativa davvero interessante; questo annuncio potrebbe essere importante per chi è alla ricerca di una scuola alternativa per i propri figli o per chi vorrebbe insegnare in un posto simile. Si raccomanda la massima diffusione.

IL MESSAGGIO DI SILVIA

Ciao a tutti, siete grandi! Complimenti! 
Ho pensato di scrivere a voi per la mia ricerca. Forse la prima cosa che mi ha colpito è il vostro logo, molto simile al nostro! Voi viaggiate con lentezza e noi Scuola con lentezza!

Ho bisogno di aiuto!
Siamo una scuola parentale a Montalcino in Prov. di Siena e stiamo cercando una nuova/o insegnante/ accompagnatrice/ accompagnatore per le elementari per l'anno 2017/2018. La ricerca è veramente difficile, tanti insegnanti ci contattano ma dopo una visita sono spaventati dal fatto che i bambini fanno molta outdoor education e per tante altre ragioni che vi lascio immaginare. Ho pensato che magari potreste fare girare la nostra richiesta ai vostri contatti o in qualche modo sul vostro sito, ve ne saremo grati. 

La scuola va avanti grazie anche a molti volontari viaggiatori che passano in Toscana e si fermano per un po'. Accettiamo qualsiasi tipo di aiuto! Tutti hanno qualcosa da insegnare. Non avrei mai pensato che sarebbe stata così difficile la nostra ricerca.

homeschooling
AAA cercasi insegnante per una scuola libertaria

Un po' di info su di noi:

“Passione e condivisione di valori, liberano energie verso una direzione e un sentire comune, perché i bambini abbiano i piedi per terra per scoprire, toccare, amare e, davanti a loro, un cielo aperto di cui meravigliarsi insieme. Passo dopo passo, prendere la propria strada sicuri che un ascolto e uno sguardo sarà sempre pronto per loro...”

Da queste riflessioni nasce il nostro progetto della nuova scuola.

Dal 2011 al 2015 abbiamo avuto la prima esperienza di scuolina, una scuola che avesse come priorità il benessere dei bambini, il rispetto delle loro emozioni, l'ascolto e la condivisione reciproca nonché l'autonomia anche dei più piccini che -lasciati fare e sperimentare da soli- potessero crescere con i propri personali talenti e difficoltà. Per varie ragioni e dinamiche interne all'associazione, la scuolina ha chiuso e dopo un anno di riflessioni e scambi, si riparte da settembre 2016 con una scuola chiamata ”Poggio d'oro” sul medesimo territorio (in particolare un poggio da cui prende il nome) con una nuova associazione, tante nuove persone ed energie, memori degli errori passati che ci hanno insegnato tanto e arricchiti dalle esperienze reciproche condivise. Il territorio è quello di Montalcino (SI), poco fuori dal paese, in aperta campagna dove la natura è piena di boschi in cui avventurarsi, vigne da ammirare e scoprire, animali rifugiati ovunque e soprattutto suoni che vibrano nell'anima di ognuno, fanno da cornice alla nostra struttura, una casa dall'idea familiare, con tanto spazio intorno in cui i bambini possano sperimentare la loro libertà di imparare e di vivere.

Ma partiamo dall'inizio...

Imparare deve essere una delle gioie più grandi della vita. Crediamo che l'innata curiosità e capacità d'apprendere dell'uomo siano una sete da stimolare e nutrire il più possibile. E' grave che la maggior parte dei bambini in età scolare odi la scuola e che i ricordi della maggior parte di noi legati alla scuola siano di fatica e ansia. Imparare deve essere bello!
Tutto poi nasce però da ciò che io chiamo "esigenza punk", la necessità impellente: l'esser diventati genitori ed essersi dunque trovati a pensare con ansia e preoccupazione al futuro di queste piccole stupende creature.
Così, con un gruppo di amici provenienti da luoghi ed esperienze le più diverse, ora sul territorio per restarci insieme ai propri figli, abbiamo dato vita all'Associazione per riflettere, formarsi e agire in campo educativo. Siamo consapevoli che oggi viviamo in una società complessa e che per svolgere al meglio il compito di genitori e di educatori siano necessari strumenti e conoscenze più raffinate rispetto a ciò che era sufficiente fino a qualche tempo fa.
Crediamo inoltre che un'importante crisi di cui oggi si parla molto poco ma che contribuisce alla ben più vistosa crisi dei valori del mondo contemporaneo sia quella educativa. Trascurare i bambini e non offrire un'educazione di qualità significa fare una violenza ai più piccoli, non pensare al nostro futuro e costruire una generazione di uomini e donne che non saranno in grado di affrontare le sfide della vita. Con queste intenzioni abbiamo deciso di attivare sul territorio di Montalcino la possibilità di incontro e scambio con esperti ed educatori, in modo affrontare al meglio il delicato periodo che è l'infanzia.
educazione alternativa
Maria Montessori, famosa per essere il volto
delle vecchie mille lire
I modelli principali che ci hanno stimolato e da cui traiamo ispirazione sono quello di Maria Montessori, Rudolf Steiner, Glenn Doman, Reggio Children e le Scuole Internazionali.

Oltre alle attività di sensibilizzazione e di divulgazione in merito alla necessità di un'educazione di qualità ci siamo prefissi l'obiettivo di dar vita sul nostro territorio a una struttura educativa che accompagni in modo completo, rispettoso e gioioso i bambini nel loro sviluppo. Nella nostra scuola abbiamo fatto sperimentare con grande successo uno stare insieme di qualità e a questo punto siamo in grado di offrire un servizio efficace e strutturato a quei genitori che avvertono questa esigenza.

Ci avvaliamo della collaborazione di molte altre persone, volontari, amici, genitori, contadini, insegnanti, formatori, pedagogisti, artisti ecc. Il metodo utilizzato si basa sull’integrazione di diversi approcci esistenti. Il metodo Montessori è quello da da cui prendiamo l’organizzazione dell’ambiente, i materiali, la personalizzazione dei programmi, la libertà di essere e non di fare. Le esperienze che proponiamo vengono però anche da altre collaborazioni, come quella con lo staff degli Istituti per il Raggiungimento del Potenziale Umano fondati da Glenn Doman, e dall’esempio delle scuole di campagna nate nel Nord Europa che promuovono il contatto del bambino con la Natura. Abbiamo preso contatto per iniziare una collaborazione di confronto pedagogico con l’esperienza emiliana di Reggio Children. Sappiamo infine quanto sia importante l’Arte e la possibilità di esprimersi per i bambini. Non trascureremo infine le lingue, fondamentali per sentirsi cittadini del mondo.

Paghiamo l'affitto di un immobile e tutti gli altri compiti sono svolti in forma volontaria dai genitori. Non riceviamo aiuto economico da nessuno e nonostante questo le nostre rette (380 euro mensili) sono inferiori di altre scuole alternative (esempio quelle Steineriane). Una delle prime evidenze a cui ci siamo trovati di fronte è stata la convinzione che i primi e privilegiati educatori dei bambini debbano essere i genitori: inutile avere metodi educativi sofisticatissimi se poi la famiglia è assente.

Scuole... sì, al plurale. Perché il progetto non è legato solo alla necessità pur innegabile di dover "mettere" i bambini piccoli da qualche parte in attesa della scuola pubblica mentre i genitori lavorano. No, il progetto è a lungo termine.

Al momento abbiamo la Scuola d'Infanzia (3-6 anni) e la Scuola Elementare (6-11 anni) ma in cantiere sono anche la Scuola Media (11-13 anni). L'idea ovviamente contempla anche il Campus Superiore (13-18 anni) ma qui si sconfina nel sogno.

Un abbraccio grande grande a tutti voi


Altri post sulla scuola libertaria: