Permacultura e libertà: progetto comunitario in Calabria cerca soci

permacultura e libertà

Creiamo insieme un eco-villaggio

Mentre molti si aspettano un cambiamento, la natura viene stravolta nel suo delicato equilibrio anche nei posti più remoti dove sembra che l’uomo non abbia influenza. Sappiamo che lo sviluppo rincorso dagli stati non è sostenibile; l’industrializzazione sta distruggendo in pochissimi anni il delicato equilibrio ambientale. Molti contadini hanno perso interesse o non sfruttano adeguatamente la terra e l’agricoltura è minacciata da prodotti di basso valore qualitativo. L’uomo dovrebbe sentire il legame con la vita e agire in simbiosi con tutte le sue forme. Il progetto comunitario NATURAL SELECTION sta formando un gruppo attivo in Motta Filocastro vicino ad un antico e incantevole borgo medioevale edificato nella seconda metà dell’undicesimo secolo in provincia di Vibo Valentia.

La location

Sorge su un colle con vista sulla piana di Gioia Tauro e da li domina tutta la valle sottostante con uno dei panorami più belli della Calabria. Dal colle si può ammirare l’aspromonte, le lunghe spiagge di Nicotera, le isole Eolie e addirittura in lontananza la Sicilia con l’Etna in perenne attività. Il borgo attualmente spopolato conta all’incirca 200 persone, in antichità 10 volte tante, in un territorio in prevalenza agricolo dove si campava dei prodotti della terra, di allevamento scambi e artigianato. Le persone attirate dalle comodità delle città migrarono lasciando queste zone; campi incolti e case abbandonate allo scorrere del tempo ne sono la triste testimonianza. Qui le persone sono semplici e cordiali, la vita costa poco, dagli affitti e persino l’acquisto di una casa o di un terreno sono molto più economici rispetto ai prezzi di altri luoghi. A livello gastronomico la zona è punto di riferimento della dieta mediterranea. Accanto a Nicotera i luoghi di villeggiatura più famosi, Capo Vaticano, Tropea e Briatico che formano la cosi detta “Costa degli Dei”.
.

Un progetto di permacultura

Il progetto che vuole sorgere in questo luogo, basandosi sulle conoscenze della Permacultura, si prefigge il ripopolamento di queste aree; la condivisione di spazi agricoli di lavoro, gestendoli con la partecipazione di tutti o semplicemente mettendo a disposizione spazi poco sfruttati, incolti o in stato d’abbandono, con l’obiettivo di recuperare e rivalorizzare le suddette aree e generare vantaggi e benessere per tutti gli abitanti dai prodotti ricavati. L’obiettivo degli attuali residenti è di produrre alimenti freschi basandosi sugli insegnamenti della Permacultura: agricoltura sinergica, allevamenti biologici, apicultura, food forest, artigianato, attività ricreative e divulgative.

SFOGLIA LA GALLERY DEL PROGETTO:

Una vasta gamma di alberi da frutta

Per quanto riguarda gli alberi da frutta ci sono già un centinaio di Ulivi, svariati Noci e Noci Pecan, Melograni, Fichi e Fichi d’India, Peri e Meli, Gelsi Bianchi Rossi e Neri, Carrubbo, Arance, Limoni, Mandarini, Pesche, Prugne, Albicocche, Corbezzolo, Viti, Kiwi, Ciliegi e Amareno, Nocciole, Mandorli, Naschi, Ribes, More, Lamponi, Nespole, Kaki, Uva Spina, Feijoa; in programma è anche l’introduzione di Banani, Avocado e, vista la tropicalizzazione localizzata, Annone o Graviola, Guava, Pistacchi e per ultime: kiwano, Psidium, Shisandra Sudowa, la Pitaya, Tamarillo, Albero dei pomodori, Achocia, Liquirizia, Thè e Bamboo gigante.

Produzione e valorizzazione di prodotti tipici con l’organizzazione di feste e sagre locali.

I ragazzi di Natural Selection vorrebbero vivere la quotidianità lavorando assieme ad anime affini, con un fine unico, il benessere e la libertà. L’associazione ha come scopo la valorizzazione della persona attraverso il coinvolgimento nelle iniziative di tutela e sviluppo delle risorse naturali al fine di creare un più sano e dignitoso stile di vita. Queste iniziative rappresentano il modo più promettente di coinvolgere le persone e le comunità ad intraprendere quelle azioni che sono richieste per mitigare la scarsità di risorse, il declino economico, l’inquinamento e i cambiamenti climatici, che stanno sconvolgendo il pianeta, attraverso l’accesso diretto ai generi di prima necessità.

Lo scopo è creare un ecovillaggio, un paese in transizione, un esempio verso un tipo di comunità basata esplicitamente sulla sostenibilità ambientale, sulla collaborazione e sull’auto sostentamento.

Lavorare con la giusta tecnologia

Il lavoro è una parte importante del programma: svolto principalmente con attrezzi manuali, all’interno della comunità si tende ad evitare l’uso di combustibili fossili, fertilizzanti, diserbanti, pesticidi e altri prodotti di origine chimica. L’accesso all’acqua per scopo agricolo viene da innumerevoli pozzi sorgivi e cisterne d’accumulo piovano. Si prevede di auto-produrre qualsiasi tipo di detergente e prodotti d’uso comune con metodo naturale. Anche a livello energetico si punterà sull’utilizzo di energie pulite: da eolico, pannelli solari; da metodologie per la produzione di biogas, elettricità e acqua calda al compost sfruttando i batteri che lo decompongono. Gli scarichi saranno depurati con impianti di fitodepurazione, evitando l’utilizzo di rete fognaria. Cura dei boschi, ripristino sentieri montani.

Collaborazione con le scuole e le “banche del seme”

Si collaborerà con le scuole per sensibilizzare sulle tematiche ambientali, metodologie agricole basate su tecniche Permaculturali e di bioedilizia. Gite guidate, percorsi d’apprendimento e corsi pratici fanno parte del programma del progetto. Si intende anche realizzare strutture agricole e laboratori idonei alle suddette attività, in auto-costruzione, con materiali naturali senza impatto sull’ambiente, cercando di costruire con i materiali del posto: tronchi, terre, pietre e paglia.

L’impegno di Natural Selection

I ragazzi di Natural Selection si impegnano a salvaguardare la biodiversità integrandosi con la natura in modo armonico, senza sfruttarla ma contribuendo ad arricchire la zona. Si rivalorizzeranno prodotti poco conosciuti con la collaborazione di banche del seme per la salvaguardia biologica, puntando su varietà autoctone, specie antiche a rischio scomparsa, e varietà rare. L’attuale piccolo gruppo vorrebbe crescere guardando all’orizzonte con il desiderio di realizzare il progetto con l’impegno, la volontà, le capacità delle persone e le idee di tutti quelli che interagiranno. Questa realtà intende dar vita a nuove forme di convivenza, tali da rispondere all’attuale disgregazione del tessuto sociale, indotto dal modello socioeconomico. In questo senso, le idee di Natural Selection si prestano a costituirsi come un modello sostenibile, sul piano economico, sociale ed ecologico.

PER MAGGIORI INFO contattate i ragazzi al numero: +39 3483860895

About Redazione 83 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

4 Commenti

    • Ciao molto piacere di sentire persone con i nostri stessi ideali, intenzionate a cambiar vita, vorremmo avere assieme questa possibilità, abbiamo voglia di crescere e raggiungere i nostri obbiettivi, assieme a tutti quelli che ne faranno parte. Teniamoci in contatto!!

  1. Ciao, noi siamo una giovane coppia in Laureana di Borrello (in attesa di un figlio), vorremo fare una cosa similare, ci piacerebbe poter incontrarci! ci fa molto piacere sentire che questo tipo di vita si comincia a sviluppare vicino a noi. Tanti saluti e buona fortuna

1 Trackback / Pingback

  1. Permacultura e libertà: progetto comunitario in Calabria cerca soci | Fruttarismo Sostenibile

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*