Cercasi insegnanti ed educatori volontari per una scuola libertaria in Toscana

cercasi educatori

Offriamo ospitalità gratuita a chi viene a insegnare alla scuolina del Poggio D’oro!

L’appello di Silvia

Silvia, della scuola Poggio D’oro, lancia un nuovo appello alla redazione di VCL:
Buongiorno,
spero che stiate tutti bene e come sempre complimenti per il vostro lavoro!
L’associazione Poggio D’Oro di Montalcino è  alla ricerca di volontari che abbiano voglia di donare un po’ del loro tempo ai bambini.
Siamo alla ricerca di insegnanti, educatori, artisti, contadini, musicisti ecc.
Tutti gli esseri umani che vogliano condividere i loro saperi, qualsiasi essi siano, sono benvenuti nella nostra piccola realtà.

Uno scambio alla pari

Agli educatori sarà offerto in cambio ospitalità gratuità compresa di vitto ed alloggio.
È richiesta però una disponibilità minima di due settimane.
Per maggiori informazioni utilizzare i recapiti alla fine dell’annuncio.
 –

La filosofia della scuola

“Passione e condivisione di valori liberano energie verso una direzione e un sentire comune, perché i bambini abbiano ai loro piedi terra da scoprire, toccare, amare e davanti a loro cielo aperto di cui meravigliarsi insieme e, passo dopo passo, prendere la propria strada sicuri che un ascolto e uno sguardo sarà sempre pronto per loro.
Il progetto Poggio d’oro nasce come scuola libertaria- democratica e riceve ispirazione e impulso dalle diverse esperienze di educazione libertaria presenti in Italia e in varie parti del mondo. In particolare trae spunto da alcune pedagogie fra cui: Montessori, Steiner, Metodo Reggio Emilia e la scuola nel bosco. Tutti metodi che sentiamo risuonare come vicini al nostro pensiero, rispetto all’educazione dei bambini.

Contatti:

Sito internet: poggiodoro.org
Pagina Facebook: facebook.com/poggiodoro/
Sulla scuola libertaria del Poggio D’oro avevamo già scritto in questo annuncio.
Leggi anche: che cos’è e come avviare una scuola libertaria
About Redazione 114 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

3 Commenti

  1. Bellissimo! Ma come fa un insegnante a lasciare il lavoro per due settimane senza essere licenziato? Se potessi, verrei di corsa (non lentamente)visto che la lentezza è al centro della mia vita. E se il soggiorno si chiamasse “corso di formazione”?

    • Ciao Maria, grazie per il commento. Ti invitiamo a discuterne con l’associazione ilPoggiodoro. Trovi i contatti in fondo all’articolo!
      Buona giornata (lenta).

      VCL staff

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*