La bambola viaggiatrice di Kafka

kafka, bambola, bambina, rosso, bianco e nero
A 40 anni, Franz Kafka (1883-1924), che non si era mai sposato e non aveva figli, camminava nel parco di Berlino quando incontrò una ragazza che piangeva perché aveva perso la sua bambola preferita. Si misero quindi a cercare la bambola ma senza successo.
 
Kafka disse allora alla bambina di incontrarlo lì il giorno dopo, così avrebbero continuato a cercarla.
 
Il giorno dopo, poiché non avevano ancora trovato la bambola, Kafka consegnò alla ragazza una lettera “scritta” dalla bambola che diceva:
“per favore non piangere. Sto facendo un lungo viaggio per vedere il mondo. Ti scriverò delle mie avventure“.
 Così iniziò una storia che continuò fino alla fine della vita di Kafka.
Durante i loro incontri, Kafka leggeva le lettere della bambola viaggiatrice alla bambina, con descrizioni dettagliate delle sue avventure. La ragazza le trovava adorabili.
 
Un giorno, Kafka riportò la bambola alla bambina (ne comprò una nuova), dicendo che era tornata a casa, a Berlino.
 
“Non assomiglia per niente alla mia bambola”, disse la bambina.
 
Allora Kafka le consegnò un’altra lettera in cui la bambola viaggiatrice scriveva:
“i miei viaggi mi hanno cambiata”.
La bambina abbracciò la nuova bambola e la portò a casa felice.
Un anno dopo Kafka morì.
Molti anni dopo, la ragazza, ormai adulta, trovò una lettera dentro la bambola. Nella minuscola lettera, firmata da Kafka, c’era scritto:

“Un giorno perderemo tutto ciò che amiamo, ma l’amore tornerà sempre in una forma nuova”.

kafka, bambola, bambina, viaggiare con lentezza, slow travel
“Un giorno perderemo tutto ciò che amiamo, ma l’amore tornerà sempre in una forma nuova”.

Franz Kafka (3 luglio 1883 – 3 giugno 1924) è stato un romanziere e scrittore di racconti in lingua tedesca, ampiamente considerato come una delle maggiori figure della letteratura del XX secolo. La sua opera fonde elementi di realismo e di fantastico. Lo scrittore Franz Kafka crebbe in una famiglia ebrea dell’alta borghesia. Dopo aver studiato legge all’Università di Praga, lavorava nelle assicurazioni e la sera scriveva. Nel 1923, si trasferì a Berlino per concentrarsi sulla scrittura, ma morì di tubercolosi poco dopo. Il suo amico Max Brod pubblicò la maggior parte delle sue opere postume, opere celebri come America e Il Castello (Amerika e Das Schloß).


Visita la sezione “Poesie” di viaggiareconlentezza




About Redazione 427 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*