Coltiviamo il futuro! L’annuncio di Simona

wwoof, fattoria biologica, volontaria, volontariato, progetti di volontariato, natura, vita di campagna, ragazza, animali, autosufficienza

Coltiviamo il futuro – Il mio nome è Simona, ho scoperto recentemente l’iniziativa di “viaggiareconlentezza” e, riconoscendomi nelle parole e negli ideali del progetto ho pensato di scrivervi raccontandovi il progetto al quale sto lavorando, chissà potrebbe interessarvi, o ispirare qualcuno!

Esperienze di viaggio condiviso tra realtà agricole sostenibili

Nell’estate del 2019 nasce un progetto per i giovani con la collaborazione dell’associazione Wwoof-Italia, presentato al festival di Strongoli (Calabria) di Economia Ecologia Energia.

Il progetto viene chiamato “Coltiviamo il futuro” nome con il quale ho voluto aprire la nuova pagina Instagram nel 2020.

Si, perché questo progetto prevede una formazione di tre anni attraverso esperienze di viaggio condiviso tra realtà agricole sostenibili del WWOOF e realtà ospitanti fuori dal WWOOF, sia in Italia che all’estero. Con l’obiettivo di condividere e documentare le mie esperienze a contatto con la terra e, RI-conoscersi nelle proprie passioni divulgando nuovi stili di vita rurali e sostenibili attraverso i social.

[scopri che cos’è il WWOOF]

Alla ricerca di borghi abbandonati (per creare residenze artistiche)

Finiti i tre anni di formazione che comprende la ricerca non solo di un terreno, un borgo di quelli abbandonati dove realizzare il mio di progetto ecosostenibile, ma anche la ricerca di collaboratori e altrettanti esseri umani che sposano le mie stesse visioni di evoluzione, di cambiamento e che hanno voglia di condividere un nuovo stile di vita basato sull’autoguarigione attraverso le piante, l’alimentazione, lo yoga, l’arte ognuno con il proprio percorso.

Un posto dove si possa esprimere la propria essenza, vocazione e metterla al servizio dell’umanità, un luogo dove le piante e gli animali sono i nostri insegnanti, un luogo dove l’arte è espressione dell’anima, dove vige l’autoproduzione, progetti creativi, orti d’arte ecc.

Avevo pensato ad una residenza artistica o un centro olistico visto che amo l’arte le piante officinali i rimedi antichi.

Prime esperienze nelle fattorie biologiche

Nel frattempo ho iniziato questo viaggio in giro per l’Italia questa estate facendo le mie prime esperienze in fattorie, casa delle erbe, aziende agricole, corsi con i fiori di bach, facendomi un’idea delle varie realtà. Ora ripartirò a Marzo iniziando un’esperienza in Umbria di un mese in una casa in campagna che ha bisogno di una persona che badi al terreno e agli animali mentre i proprietari sono via.
Avendo così modo di sperimentare uno stile di vita a impatto minimo.

Il mio appello è:

se c’è qualcuno che ha voglia di sperimentare la vita in natura sarebbe bello condividere questa esperienza e confrontarci sui vari insegnamenti che la natura offre, o chi ha voglia di collaborare a questo progetto anche attraverso altre esperienze di viaggio, o si vuole aggregare con le sue idee al futuro terreno è il benvenuto.
L’obbiettivo del progetto è proprio la condivisione non solo attraverso i social facendo rete ma dare la possibilità anche ad altri di uscire dalla propria zona di comfort e di buttarsi in nuove esperienze gratificanti diventando così parte della soluzione e non del problema.
Oggi più che mai sento la necessità di dover condividere le cose belle, penso che non è più tempo dell’individualismo ma di nuove forme di condivisione per stare insieme.

Ps: ho 32 anni e la mia anima si esprime attraverso l’arte, la poesia, la fotografia, le piante. Di seguito vi allego il progetto del wwoof, se volete approfondire e la pagina instagram.

Un caro saluto, Simona

CONTATTI

La pagina Instagram si chiama:
coltiviamoilfuturo1

Link:

https://www.instagram.com/coltiviamoilfuturo1/

https://www.3efestival.it/coltiviamo-il-futuro/

Vai alla sezione annunci di VCL

About Redazione 332 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

8 Commenti

  1. Buongiorno,

    vorrei mettermi in contatto con Simona per condividere le attività che pratica. Risiedo in Umbria e potrei quindi raggiungerla durante la sua permanenza in regione. Lascio il mio recapito: Dario 3486820263. Sono wwoofer anch’io, allineato alle idee espresse nell’articolo e da tempo decisamente fuori da ogni zona di comfort…Grazie

    • Ciao Dario, Simona ha lasciato diversi contatti alla fine del suo annuncio. Riesci a vederli? Può essere che per qualche bug o cookie non approvato le informazioni a volte non appaiono. Ciao e in bocca al lupo

  2. Ciao Simona ,con un progetto simile ,ho creato il gruppo “Da Trieste a Ventimiglia in viaggio lungo le coste Italiane ” alla ricerca degli evovillagi, comunità rurali o non rurali ,borghi da ripopolare . Vieni a dare un tuo parere.

  3. Salve, Simone da Firenze. L’idea di ripopolare borghi abbandonati mi piace e l’autosufficienza alimentare con la coltivazione. Parliamone, saluti.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*