La colonia romana di Timgad, in Algeria

meraviglie del mondo, patrimonio dell'umanità, algeria, unesco

Conosciuta come Marciana Traiana Thamugadi Timgad era una città romana nei Monti dell’Aurès in Algeria. Fu fondata dall’imperatore romano Traiano come colonia militare, intorno all’anno 100. Era destinata a servire principalmente come bastione romano contro i berberi nelle vicine montagne dell’ Aurès. Originariamente era popolata in gran parte da veterani romani e si era espansa fino a oltre 10.000 residenti di etnia romana

L’imperatore Traiano chiamò la città in commemorazione di sua madre Marcia, della sorella maggiore Ulpia Marciana e del padre Marcus Ulpius Traianus.

Situate sul lato sud delle montagne che separano il Sahara dalla costa, a circa 35 km a est della città di Batna, le rovine sono degne di nota soprattutto perché rappresentano uno dei migliori esempi esistenti del piano a griglia utilizzato nella pianificazione urbana romana.

Timgad è patrimonio mondiale dall’UNESCO dal 1982.

meraviglie del mondo, patrimonio dell'umanità, algeria, unesco

(Foto di G. Steinmetz, per il NationalGeographic)

Approfondimenti

Quindici secoli dopo la sua caduta, l’impero romano continua a vivere in luoghi inaspettati. L’ex città coloniale di Timgad è uno di questi posti. Situata in Algeria a 400 km  dalla capitale, è stata fondata dall’imperatore Traiano intorno al 100 d.C. come Colonia Marciana Ulpia Traiana Thamugadi. Prosperò  nel nord Africa come fosse un pezzo di Roma prima di diventare cristiana nel terzo secolo e centro della setta donatista nel quarto. Nei tre secoli successivi venne saccheggiata da parte dei Vandali, fu rioccupata dai cristiani, infine di nuovo saccheggiata dai Berberi. A partire dal settimo secolo Timgad venne abbandonata e coperta dalla sabbia del Sahara, finché non fu riscoperta dall’esploratore scozzese James Bruce nel 1765. Ma solo nel 1880, sotto il dominio francese, cominciarono gli scavi veri e propri.

timgad
By PhR61 – originally posted to Flickr as IMG_0882, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4424140

Timgad, oggi

Oggi un visitatore delle rovine di Timgad può vedere i contorni dell’esatta posizione di ciascuno dei suoi edifici.  Questo, in parte, è ciò che ha qualificato il luogo per l’iscrizione nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

“Con il suo recinto quadrato e il suo disegno ortogonale basato sul cardo e sul decumano (le due vie perpendicolari che attraversano la città), è un eccellente esempio di urbanistica romana”, dice il sito dell’UNESCO. Il suo “notevole sistema a griglia” – abbastanza normale per gli abitanti delle città del XXI secolo, molto meno nell’Africa del II secolo – la rende “un tipico esempio di modello urbano” che “continua a testimoniare l’inventiva edilizia degli ingegneri militari della civiltà romana, oggi scomparsa“.

By Walter Mittelholzer – This image is from the collection of the ETH-Bibliothek and has been published on Wikimedia Commons as part of a cooperation with Wikimedia CH. Corrections and additional information are welcome., Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=50703721

“Nel giro di poche generazioni dalla sua nascita“, scrive Messy Nessy, “l’avamposto si era espanso fino a raggiungere più di 10.000 residenti sia di origine romana, sia africana, sia berbera“. “L’estensione della cittadinanza romana ai non romani era una strategia attentamente pianificata dall’Impero”, aggiunge. “In cambio della loro lealtà, le élite locali ricevevano una partecipazione nel grande e potente Impero, beneficiavano della sua protezione e del suo sistema legale, per non parlare dei suoi moderni servizi urbani come i bagni romani, i teatri e una biblioteca pubblica di lusso“. La biblioteca di Timgad, che avrebbe ospitato manoscritti relativi alla religione, alla storia militare e al buon governo, sembra essere stata davvero di lusso, e le sue rovine indicano l’acquisto che la cultura romana è riuscita a raggiungere in questo insediamento lontano.

La “Pompei” dell’ Africa

La biblioteca di Timgad è solo un elemento di quello che l’UNESCO chiama il suo “ricco inventario architettonico che comprende numerose e diversificate tipologie, relative alle diverse fasi storiche della sua costruzione: il sistema difensivo, gli edifici per le comodità pubbliche e gli spettacoli, e un complesso religioso”. Avendo superato la sua griglia stradale originale, Timgad “si estese oltre i perimetri dei suoi bastioni e diversi edifici pubblici importanti sono costruiti nei nuovi quartieri: Capitolium, templi, mercati e bagni”, la maggior parte dei quali risalgono all'”età dell’oro” della città nel periodo dei Severi tra il 193 e il 235.

Si tratta dell’equivalente africano di Pompei, città romana sepolta e conservata dopo l’esplosione del Vesuvio nell’anno 79.


Vai alla sezione Patrimoni dell’Unesco o Meraviglie del Mondo



About Redazione 351 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*