Villa del casale in Piazza Armerina, Sicilia – patrimonio mondiale Unesco

Villa del casale, Piazza Armerina, patrimonio mondiale, Unesco

Lo sfruttamento romano della campagna è simboleggiato dalla Villa Romana del Casale (in Sicilia), una grande tenuta su cui si basava l’economia rurale dell’Impero d’Occidente. La villa è una delle più lussuose del suo genere. È soprattutto degna di nota per la ricchezza e la qualità dei mosaici che decorano quasi ogni stanza; si tratta probabilmente dei più bei mosaici in situ di tutto il mondo romano. La Villa del Casale in Piazza Armerina è oggi patrimonio mondiale riconosciuto dall’Unesco e una delle tappe obbligatorie di qualsiasi viaggio in Sicilia. In questa suntuosa residenza, i senatori romani si ritiravano per una vita di otium e studi, circondati da lussi e raffinatezze.

I mosaici delle “atlete in Bikini”

Author: Francesco Bandarin Copyright: © UNESCO

La villa presenta magnifici mosaici pavimentali, i più famosi dei quali sono quelli “delle dieci ragazze” o delle “atlete in bikini”, che raffigurano giovani donne che giocano e fanno sport. Le ragazze si mostrano impegnate in varie competizioni ginniche: ad esempio il lancio del disco, il gioco della palla, gli esercizi con i manubri e la corsa. Ci sono due diverse rappresentazioni che spiccano: in basso a sinistra una figura con un mantello dorato che funge da giudice, arbitro della competizione. Quest’ultima è rappresentata nel momento in cui consegna la palma della vittoria. Il vincitore tiene in mano la ruota dei giochi atletici. La compagna che gli sta affianco invece è già stata premiata: in una mano tiene la palma della vittoria mentre con l’altra appoggia la corona ritorta sulla sua testa. A destra altre due atlete impegnate nel gioco della palla, che si presenta multi-colore. È una delle pochissime rappresentazioni del gioco della palla nell’antichità.

Nella parte superiore del mosaico, le atlete sono raffigurate mentre eseguono esercizi ginnici: a sinistra una figura è scomparsa nel tempo, seguita da una giovane donna con pesi in mano; un’altra fanciulla è in posizione per il lancio del disco, infine ci sono altre due atlete, impegnate nella corsa.

Il Subligar. Costume da bagno o abbigliamento sportivo?

Le ginnaste del mosaico indossano quello che oggi chiameremmo bikini ma nell’antichità si chiamava subligar. Il Subligar era una specie di perizoma di pelle o di tessuto, uno slip, che veniva fatto passare tra le gambe e fissato all’interno del nodo che veniva legato in vita. Poi c’era lo strophium, una specie di top, una fascia che conteneva il seno. Sembra che gli antichi romani preferivano i seni piccoli, e la fascia serviva a contenerli ulteriormente. In realtà permetteva soprattutto alle atlete di spostarsi, saltare e muoversi più comodamente.

In ogni caso, non si trattava di costumi da bagno, ma di indumenti usati per gare e giochi sportivi.

Autore sconosciuto – da Le Musée absolu, Phaidon, 10-2012, Dominio Pubblico, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=37865991

La Villa del Casale

Scoperta intorno agli anni ’50, la Villa del Casale in Piazza Armerina è un edificio risalente al III-IV secolo d.C., impropriamente definito “villa” in quanto più correttamente classificabile come palazzo urbano imperiale. L’identità del committente della villa è sempre stata causa di un acceso dibattito tra gli studiosi. Per molto tempo si pensava appartenesse a Massimiano Erculeo, tetrarca sotto Diocleziano, (per via di alcuni elementi iconografici e architettonici tradizionalmente attribuiti esclusivamente all’augusto che all’epoca deteneva il potere supremo). Secondo ricerche più recenti, la Villa era di proprietà di Gaio Ceionio Rufio Volusiano, praefectus urbi di Roma e console sotto Massenzio e Costantino, con vasti possedimenti in Africa; ma un altro probabile candidato a dominus della Villa è suo figlio, Ceionio Rufio Albino, che fu console e prefetto, e uomo di scienza, come dimostra il suo titolo di “philosophus”. Forse da qui deriva il nome della grande tenuta locale, Sofiana, a cui apparteneva la villa romana.
Attraverso le scene di vita quotidiana espresse anche con i mosaici i proprietari della Villa alludevano a modelli nobili di educazione e a precisi valori e ideali dell’aristocrazia romana.

Posizione su Googlemaps 📍

Per vedere altre immagini e conoscere i dettagli della Villa del Casale, visita il 👉  sito ufficiale


Visita la sezione Patrimoni dell’Unesco

o vai alla sezione Meraviglie del Mondo




About Alice 5 Articles
Cinque anni fa, grazie al wwoof, ho fatto un corso di Permacultura nel sud Italia e da allora curo il mio orto personale, nella mia piccola fattoria. Cerco di autoprodurre il più possibile e mi piace scambiare il surplus di prodotti con i miei vicini. Il mio sogno è ottenere presto gli spazi necessari per ospitare viaggiatori, nomadi e contadini da tutte le parti del mondo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*