Haute Route – tour alpino a piedi in Francia e Svizzera

cammini nel mondo, Francia, slow travel, Haute Route, viaggi a piedi

L’alta via degli alpinisti, un epico percorso a piedi (o con gli sci)

La Haute Route, (o Alta Via o Via degli Alpinisti) è il nome dato ad un percorso (con diverse varianti) intrapreso a piedi o con gli sci tra il Monte Bianco (nel comune di Chamonix) in Francia, e il Cervino (nel villaggio Zermatt) in Svizzera.

Capanna Vignettes, vicino ad Arolla, Svizzera By Wala – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5134546
By Jackph – Own work, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4771399

Tracciata per la prima volta come percorso di alpinismo estivo dai membri dell’Alpine Club inglese a metà del XIX secolo, la via richiede circa 12+ giorni di cammino (o 7+ giorni di sci) per i 180 km dalla valle di Chamonix, sede del Monte Bianco, fino a Zermatt, sede del Cervino. Originariamente chiamato “The High Level Route” in inglese dai membri del club di escursionismo, il termine è stato poi tradotto in francese quando il percorso è stato intrapreso con successo sugli sci nel 1911. Da allora ha prevalso il nome in francese. Però il termine haute route è diventato in qualche modo una parola generale per qualsiasi tour alpino di più giorni, da rifugio a rifugio. Quindi ci si riferisce al cammino “Chamonix-Zermatt Haute Route” come “Alta via degli Alpinisti” (in inglese Walker’s Haute Route).

Walker’s haute route

La “Walker’s haute route”, è un percorso escursionistico alpino che segue una rete di sentieri ben segnalati. L’itinerario “Walker’s” rimane al di sotto dei 3000 metri e approfitta dei rifugi e delle piccole locande e alberghi nei villaggi lungo il percorso. In primavera, estate e autunno, questo percorso è sicuro, non-tecnico (non richiede corde, ramponi o dispositivi di protezione, a differenza della Haute Route vera e propria). È comunque impegnativa a causa dei suoi dislivelli giornalieri e delle distanze. Si tratta di un cammino fattibile per qualsiasi escursionista in condizioni fisiche ragionevolmente buone.

La Haute Route originale, invece, include grandi porzioni di percorso sui ghiacciai, per i quali è necessaria un’adeguata attrezzatura da alpinismo ed esperienza. In inverno, è necessaria un’attrezzatura da scialpinismo e, a seconda del tempo e del percorso scelto, possono essere necessari ramponi, corde e attrezzatura di protezione dalle valanghe.

By The original uploader was Seabhcan at English Wikipedia. – Transferred from en.wikipedia to Commons., CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2016094

Haute Routes d’estate

D’estate esiste il pericolo di crollo dei ghiacciai che può rendere il percorso impraticabile. Tuttavia, esiste una variante meno impegnativa che consente di evitare di attraversare i ghiacciai. La maggior parte degli escursionisti la completa in 12-16 giorni.

Capanne e villaggi del trekking estivo sui ghiacciai della Haute Route

  • Villaggio Le Tour, Francia
  • Capanna Albert Premier
  • Cabane du Trient o rifugio Orny
  • Champex città, Svizzera
  • Capanna Valsorey o Capanna Chanrion
  • Capanna Vignettes
  • Arolla villaggio, Svizzera
  • Capanna Bertol
  • Capanna Schonbiel
  • Zermatt città, Svizzera

Capanne e villaggi della variazione della “Haute Route del camminatore”

  • Chamonix città, Francia
  • Argentière, Francia
  • Trient, Svizzera
  • Champex paese, Svizzera
  • Sembrancher paese, Svizzera
  • Le Chable paese, Svizzera
  • Verbier paese, Svizzera
  • Arolla paese, Svizzera
  • Les Haudères paese, Svizzera
  • Zinal paese, Svizzera
  • Gruben paese, Svizzera
  • St Niklaus villaggio, Svizzera
  • Zermatt, Svizzera

Sci-alpinismo sulla Haute Route

Completata con successo per la prima volta nel 1911, la Haute Route è probabilmente il tour sciistico più famoso e ambito del mondo. Utilizzando rifugi di alta montagna per permettere agli sciatori di rimanere ad alta quota e coprire lunghe distanze. Si snoda attraverso le cime più alte delle Alpi, dal Monte Bianco al Cervino. Occorre che ci sia bel tempo, condizioni di neve favorevoli e un forte sforzo per completare questo percorso. Per questo motivo, circa la metà degli sciatori che iniziano il tour non lo completano.

Ci sono molte varianti della HLR (High Level Route) tra Chamonix e Zermatt, tra cui quelle elencate di seguito. La Haute Route invernale devia dal percorso estivo per evitare il terreno che è pericoloso o impraticabile quando è coperto di neve. Molte persone percorro la Haute Route con gli sci anche in direzione opposta, attraverso varianti con salite e discese migliori.

Lionel Claudepierre, membro del PGHM di Bourg Saint Maurice, ha stabilito un nuovo record di 18h35m il 15 aprile del 2013.

Haute Route (originale): Percorso classico

La linea originale della Haute Route invernale che prevede lunghe salite e alpinismo con piccozza e ramponi.

  • 1° giornata: villaggio di Argentiere, Francia, attraverso il Col du Chardonnet e la Fenêtre du Saleina fino al rifugio Trient.
  • 2° giornata: Champex-Lac attraverso la Val d’Arpette. Autobus o taxi fino a Bourg-Saint-Pierre.
  • 3° giornata: Lunga salita fino al rifugio Valsorey sulla spalla del Grand Combin.
  • 4° giornata: Attraverso il Plateau du Couloir e giù per il Glacier du Mont Durand fino al rifugio Chanrion.
  • 5° giornata: Una lunga salita sul ghiacciaio Otemma fino al rifugio Vignettes.
  • 6° giornata: Una lunga giornata a Zermatt attraverso il Col de l’Evêque, il Col du Mont Brulé e il Col de Valpelline, poi una lunga discesa sotto la spalla del Cervino e la Dent d’Herens.
  • 7° giorno: estensione opzionale a Saas-Fee attraverso il passo Adler.

Variazione Verbier – la linea sciistica più frequentata.

  • 1° giornata: Argentière, Francia, attraverso il Col du Chardonnet e la Fenêtre du Saleina fino al rifugio Trient.
  • 2°: Champex-Lac attraverso la Val d’Arpette. Autobus o taxi fino a Verbier e al rifugio Mont Fort.
  • 3°: Attraverso la Rosablanche fino al rifugio Prafleuri.
  • 4°: intorno al lago artificiale di Dixence e su fino al rifugio Dix.
  • 5°: Attraverso la Pigne d’Arolla fino al rifugio Vignettes.
  • 6°: Una lunga giornata fino a Zermatt attraverso il Col de l’Evêque, il Col du Mont Brulé e il Col de Valpelline, poi una lunga discesa sotto la spalla del Cervino e la Dent d’Herens.
  • 7° giornata: estensione opzionale a Saas-Fee attraverso il passo Adler.

Variante Grande Lui

Un percorso più lungo, più duro e più tecnico che elimina l’interruzione delle varianti Verbier e Classic.

  • Giorno 1: villaggio di Argentiere, Francia, attraverso il Col du Chardonnet e la Fenêtre du Saleina fino al rifugio Trient o giù al Bivouac Dorés.
  • 2° giorno: Sopra il Grande Lui attraverso il Col du Saleina o intorno ad esso attraverso i Tre Colli svizzeri e una lunga discesa fino al villaggio di La Fouly.
  • 3° giorno: Su per la Val Ferret e oltre fino all’Ospizio del Gran San Bernardo.
  • 4° giorno: giù al Passo del Gran San Bernardo e oltre la spalla del Mont Vélan fino al rifugio Vélan.
  • 5° giorno: Su per il Grand Combin e sopra il Plateau du Couloir, giù per il Glacier du Mont Durand fino al rifugio Chanrion.
  • 6° giorno: Una lunga salita non tecnica sul ghiacciaio Otemma o una salita più dura su Les Portons fino al rifugio Vignettes.
  • 7° giorno: Una lunga giornata a Zermatt attraverso il Col de l’Evêque, il Col du Mont Brulé e il Col de Valpelline, poi una lunga discesa sotto la spalla del Cervino e la Dent d’Herens.
  • 8° giorno: estensione opzionale a Saas-Fee attraverso il passo Adler.

La “Haute Route “a ritroso

  • 1° giorno: Da Zermatt sotto il Cervino fino al rifugio Schonbiel.
  • 2° giorno: Attraverso il Col de Valpelline e su alla capanna Bertol.
  • 3° giorno: giù e poi su per il Col Collon fino al rifugio Vignettes.
  • 4° giorno: Attraverso la Pigne d’Arolla e giù per Les Portons fino al rifugio Chanrion.
  • 5° giorno: Attraverso la gola di Otemma, su e giù per la Valle d’Aosta. Autostop fino a La Palud.
  • 6° giorno: prendere l’ascensore per la Vallée Blanche. Scendere a Montenvers e sciare o prendere il treno a cremagliera fino a Chamonix.

Le salite opzionali delle vette lungo le varianti della Haute Route elencate includono il Monte Bianco, Rosablanche, Pigne d’Arolla, Mont Blanc de Cheilon, Mont Vélan, Breithorn. Alcune di queste salite richiedono un giorno in più o più, e vanno dal facile al molto tecnico e difficile.

About Redazione 339 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

1 Trackback / Pingback

  1. Le escursioni più belle del mondo – Viaggiare con lentezza

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*