La Piana delle Giare nel Laos – un sito patrimonio dell’Unesco 🇱🇦

Piana delle giare, meraviglie archeologiche, meraviglie del passato, archeologia, avventure, storia antica
Foto di Mattun0211 - Own work, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=12795250
piana delle giare, costumi tradizionali, Laos
CC BY-SA 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=603775

La Piana delle Giare è uno dei siti archeologici più importanti del sud-est asiatico. Troverete la Piana delle Giare nella provincia laotiana di Xieng Khouang, all’incrocio di antiche e importanti rotte commerciali a nord verso la Cina, a sud verso la Thailandia e a est verso il Vietnam. Il sito è entrato a far parte della lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO il luglio 2019.

Il nome e le caratteristiche

Situata su un altopiano centrale del Laos, la Piana delle Giare prende il nome dalle oltre 2.000 giare megalitiche in pietra arenaria che risalgono all’età del ferro. Le giare comprendono grandi giare di pietra scolpite, dischi, pietre tombali e cave che risalgono al 500 a.C. e si pensa che siano state usate per le sepolture.

Alcune giare pesano fino a 14 tonnellate e misurano da 1 a 3 metri di altezza.

piana delle giare, siti archeologici, mistero, storia antica, megalitismo
CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=598621

Questo articolo esplorerà brevemente i siti della Piana delle Giare che possono essere visitati, la loro posizione e un po’ della storia. Infine qualche dritta su come visitarli. I siti della Piana delle Giare si trovano a circa 400 chilometri a nord-est della capitale del Laos, Vientiane. La città più vicina è Phonsavan.

Storia della Piana delle Giare

Le giare hanno circa 2.000 anni di storia. Possono arrivare a pesare fino a 14 tonnellate e variano in altezza fino a 3 metri. Sono state scolpite nell’arenaria. Si crede che fossero state usate come urne nei rituali di sepoltura. Negli anni ’30, all’interno di alcune delle giare –che originariamente erano sigillate con dischi o coperchi– sono state rinvenute perline, ossa bruciate e denti. Sono stati scoperti anche diversi coperchi di pietra, ma non è da escludere che per sigillare le giare fossero stati usati altri materiali come il bambù o il legno.

Fu l’archeologa francese Madeleine Colan a scoprire negli anni ’30 ossa, vasellame, perline e denti umani. Tuttavia fu solo nel 1994 che il professor Eiji Nitta fu in grado di condurre ulteriori ricerche. Le giare sono state scoperte in una cava vicino a Phonsavan. Questa cava è stata usata durante la guerra del Vietnam dalla Nazione Lao/Pathet Laos (movimento politico comunista). I soldati a quel tempo si nascondevano in caverne naturali e artificiali.

Foto di Jakub Hałun — CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=74242037

La Piana delle Giare e la guerra del Vietnam

Gran parte del Laos rurale è stato decimato durante la guerra del Vietnam. Tutta questa zona fu ampiamente bombardata: si calcola che il 30% degli ordigni non riuscirono ad esplodere. I siti aperti ai visitatori sono quelli ripuliti dagli ordigni inesplosi. Non è consigliabile visitare i siti che non sono stati ufficialmente bonificati.

L’area intorno a Phonsavan si trovava su una rotta di volo per i caccia americani durante la guerra – pare che divenne una discarica non ufficiale per bombe a grappolo inutilizzate– più di 270 milioni. Circa 80 milioni di queste bombe a grappolo non sono esplose. Questo è ciò che rende pericolosa gran parte dell’area intorno a Phonsavan. Per questo motivo, come visitatore, non allontanarti dalle zone contrassegnate e sgombrate.

Il Mines Advisory Group (MAG) lavora incessantemente dal 1994 per rimuovere le bombe inesplose. Questa organizzazione non governativa ha un centro visitatori sulla strada principale di Phonsavan e merita una visita.

Lo scopo delle Giare del Laos

Piana delle Giare in laos
Foto di Chaoborus — CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17708411

Il consenso dell’opinione archeologica vuole che gli antenati abbiano costruito queste urne per scopi di sepoltura (resti umani sono stati trovati dentro e intorno alle giare); tuttavia ci sono molte leggende locali che differiscono da questa ipotesi. Miti e leggende dei vasi di pietra della Piana suggeriscono anche che fossero:

  • Coppe per il vino di riso costruite e utilizzate da esseri “giganti”,
  • Contenitori per la raccolta dell’acqua durante la stagione secca.
  • Giare per conservare il vino di riso per i ricchi capi tribù.

Dove si trovano i siti della piana delle Giare?

Si trovano sparsi per la pianura, sia nelle province di Xieng Khuang che di Hua Phuan. Ci sono molti siti di giare, ma solo 12 di questi siti sono aperti al pubblico. La maggior parte delle persone visita i siti 1, 2 e 3 vicini a Phonsavan.

Quanti sono in tutto i siti?

Ci sono circa 90 siti nella zona di Phonsavan. Tuttavia, solo 8 siti sono disponibili per essere visitati. I principali siti da visitare sono il sito 1, il sito 2, il sito 3 e la cava della giara. Si possono facilmente visitare in un giorno. In realtà si possono visitare 7 siti in totale, ma a parte i siti 1, 2 e 3 e la cava, i restanti quattro siti sono abbastanza difficili da raggiungere.

La migliore mappa per visitare la Piana delle Giare è questa👉 Hobomaps 🔍

Come visitare la Piana delle Giare in Laos

Ci sono 3 modi:

  • Partecipa a un tour della Piana delle Giare da Phonsavan. Il prezzo dipenderà da quante persone faranno parte del tour e quanti siti vorrai visitare. 🎫
  • Noleggia una bicicletta e pedala fino al sito. Nota che una visita ai siti 1, 2 e 3 equivarrà ad un percorso di circa 40 chilometri. Il sito 1 si trova a circa 15 chilometri da Phonsavan. 🚴‍♀️
  • Noleggia una moto da un’agenzia locale a Phonsavan e visita tu stesso i siti. 🛵

Vuoi aggiungere dei consigli di viaggio o raccontarci la tua esperienza alla Piana delle Giare in Laos? Scrivici! ✍️ ❤️

[Leggi l’esperienza di viaggio di Alessandra in Cambogia🇰🇭]


Scopri altre meraviglie del passato😍

Vai alla sezione Meraviglie del Mondo 🗺️



About Redazione 380 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*