La comunità di Christiania a Copenhagen in Danimarca

barca, lago, ghiaccio, danimarca, christiania, comunità intenzionali, ecovillaggi, autogestione, stati indipendenti, autonomia, anarchia, anarchismo, libertarismo

Sapevate che all’interno di un quartiere della capitale danese di  Copenhagen esiste una comunità intenzionale e indipendente chiamata Christiania? L’obiettivo dichiarato di questa comune è sempre stato:

“creare una società autogestita in cui ogni individuo è responsabile del proprio benessere e quello dell’intera comunità. La nostra società deve essere economicamente autosufficiente […].

Così recita la dichiarazione della Mission di Freetown Christiania.

Costruita sui principi della responsabilità individuale e dell’armonia comune, Christiania è famosa per essere il “paradiso degli hippie” della Danimarca, un luogo dove la cannabis viene venduta e consumata apertamente, dove si possono sempre trovare cerchi di tamburi e jam session all’aperto, e dove le persone che ne hanno abbastanza della società tradizionale possono trovare un posto dove vivere. Tuttavia non è tutto rose e fiori: lo stile di vita dei Christianiani (si chiamano così?🤷), è continuamente minacciato dalla burocrazia, dalla gentrificazione e dal turismo.

By Neptuul – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=75160327

Storia di Christiania

Fondata sull’ex caserma militare di Bådsmandsstræde, Christiania è nata, come dice la storia, nel 1971 quando le famiglie delle zone circostanti abbatterono la recinzione di una zona inutilizzata del complesso, per farne un parco giochi per i loro figli. Da allora in poi, l’acquisizione divenne un movimento in risposta alla presunta mancanza di alloggi a prezzi accessibili nel paese. Nel giro di un anno venne redatta la dichiarazione di missione. Così la “Città proibita dei militari” divenne un rifugio per hippy, squatter, anarchici e chiunque, scontento della vita nel mainstream danese, cercasse rifugio fuori dal sistema.

By Smurrayinchester – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=51511726

Un esperimento sociale

Anche se i membri di Christania rifiutavano il controllo statale, furono presto messe in atto delle regole per assicurare l’armonia della comune. La violenza era bandita, così come il furto, le armi, i simboli dei motociclisti e le droghe pesanti. 👉

Il commercio di cannabis fu limitato al noto quartiere chiamato “Pusher Street”, dove la marijuana è ancora oggi venduta nelle bancarelle all’aperto. Vennero anche accolti tossicodipendenti e altri individui alienati dalla società per favorire una forma di autogoverno solidale. Christiania fu, ed è ancora oggi, un esperimento sociale; un tentativo di immaginare la vita al di fuori del controllo autoritario del governo. Tuttavia con il passare del tempo, l’idea di rifiutare il controllo autoritario cominciò presto a incrinarsi…

christiania
By Steffen Hillebrand, Steffen84 – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52074144

Declino e riforme fondiarie

By seier+seier – https://www.flickr.com/photos/seier/1244185274/in/set-72157603362036548/, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=21983223

Nel 2004, i Cristianiani hanno iniziato a pagare tasse e tariffe per l’acqua, l’elettricità, lo smaltimento dei rifiuti e altri servizi al ministero della difesa danese, che possedeva ufficialmente il terreno. Gli anni subito successivi furono un susseguirsi di violenze e scontri con la polizia, ed è così che è cominciato il declino dell’ideale anarchico.

Prima del 2011, i Cristianiani pagavano un “affitto” in una tesoreria comune che facilitava l’economia autosufficiente attraverso lavori non legati alla droga, come ad esempio servizi di pub e ristoranti, gruppi teatrali e classi di yoga, e simili. Nel 2011 venne ufficializzata la Fondazione Christiania attraverso la quale i residenti avrebbero acquistato la terra dal governo ad un tasso ridotto, diventando così proprietari legittimi. La fondazione è gestita da un consiglio di amministrazione che ha intrapreso vari progetti di ricostruzione e restauro per trasformare le ex caserme militari in luoghi per ristoranti e altre nuove attività.

Per poter pagare i progetti, i prezzi degli affitti sono aumentati e questo ha indotto molti dei più vecchi occupanti di Christiania ad abbandonare la comune. L’esistenza stessa di una comune come Christiania è assai notevole, soprattutto se si pensa a come sia annidata ad una città come Copenhagen. Comunque, le roulotte rozzamente costruite in mezzo a cespugli troppo cresciuti stanno lasciando il posto a camper decorati con gusto, e a una popolazione che è di classe media. Il processo decisionale comunitario ha lasciato il posto alla burocrazia, l’autosostentamento alla gentrificazione, e il malcontento che è venuto in risposta al controllo autoritario è stato sussunto all’interno del sistema contro cui si è ribellato. L’intoccabile Freetown, dove hippy e anarchici vivevano al di fuori della cornice della società tradizionale, forse, non c’è più.

Christiania oggi

Christiania è ora la quarta attrazione turistica più grande della Danimarca. Il costante afflusso di turisti ha minato la sua essenza anarchica. Il comune di meno di un migliaio di residenti è ora al servizio di più di 500.000 turisti all’anno. Una inevitabile conseguenza di ciò è un  maggior controllo da parte delle autorità governative e civili. L’indipendenza volitiva che veniva dal malcontento dei fondatori di Christiania sembra ormai essere svanita.

Christiania
By Neptuul – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=75160546

Visitare Freetown Christiania a Copenaghen

Christiania si trova nella zona di Christianshavn. Si può raggiungere con una bella passeggiata dal centro della città, o si può prendere l’autobus 350S da Nørreport Street a Christianshavn Street.

I turisti e visitatori sono benvenuti. Si può mangiare e bere nei caffè e nei ristoranti della comunità. Rilassarsi in riva al lago, andare ad un concerto o partecipare ad una partita di basket improvvisata.

Diventare ricercatori a Christiania

Christiania Researcher in Residence (CRIR) offre la residenza ad artisti e ricercatori accademici che siano interessati a studiare la comunità. Lo scopo del progetto Christiania Researcher in Residence è quello di coinvolgere artisti, ricercatori e accademici in un dialogo aperto, critico e riflessivo intorno alla città libera di Christiania, anche per alimentare nel pubblico un nuovo tipo di pensiero creativo e critico. Negli ultimi anni la CRIR ha ospitato ricercatori provenienti da molte parti del mondo. L’intuizione e l’esperienza comunitaria di Christiania, l’architettura alternativa, lo stile di vita, la cultura, gli ambienti sostenibili, la qualità della vita, la democrazia e l’innovazione sono unici al mondo e potrebbero ispirare nuovi sviluppi dell’urbanità.

I ricercatori sono invitati a vivere a Christiania per brevi periodi, a seconda della natura e delle esigenze dei progetti da loro proposti. Si chiede agli studenti/ricercatori/artisti di contribuire al dibattito pubblico – che può essere sotto forma di testo accademico, conferenza pubblica, opera d’arte, conferenza o mostra. I residenti avranno accesso al supporto e alla guida così come a un archivio storico con l’aiuto di una rete di residenti di Christiania. Varie sedi e spazi pubblici possono essere disponibili per eventi, mostre e presentazioni pubbliche.

Informazioni sull’alloggio

L’appartamento CRIR si trova al primo piano di una casa. Ha 2 piccole stanze e un’alcova per dormire e un grande balcone coperto di fronte. C’è Internet e servizi comuni.

Per maggiori informazioni visita il sito  👉 http://www.crir.net/

  • Durata: dipende dal progetto
  • Costi: Il CRIR attualmente non fornisce borse di studio per la ricerca. (I ricercatori, quindi, sono tenuti a finanziare il proprio soggiorno a Christiania).

Linee guida per l’applicazione:

Per candidarsi è necessario:

  • Descrivere il progetto.
  • Spiegare a quale pubblico è destinato e il metodo di distribuzione in Danimarca o all’estero.
  • Indicare il periodo di permanenza.

La tua domanda sarà valutata dal gruppo direttivo.


Per saperne di più sulla comune di Christiania


Sito web 👉https://www.christiania.org 

Pagina FB di Christiania

Instagram 👇


Ti piacerebbe raccontare la tua personale esperienza in un eco-villaggio o comunità intenzionale? Scrivici!

Vai alla sezione Eco-villaggi



About Redazione 351 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*