Percorrere la Via Francigena sul tratto francese aggiornamenti e news (2022)

pellegrina, via francigena, tratto francese, camminare, escursioni, escursione, cammini, pellegrinaggio

Percorrere la Via Francigena ultime news (2022) da una pellegrina

La Via Francigena nel tratto francese – Sono tornata a casa ieri dopo aver completato la prima parte del mio cammino lungo la Via Francigena verso Roma – il tratto che ho percorso è stato quello da Canterbury a Reims. È stata un’esperienza meravigliosa con molti ricordi, e non vedo l’ora di continuare i tratti successivi quest’estate.

Volevo condividere alcune cose che ho imparato finora, soprattutto criticità, sperando siano utili ai lettori.

I danni lungo il sentiero

Molti sentieri sono deturpati a causa dell’enorme quantità di danni causati dal recente maltempo. Lungo la via sono caduti innumerevoli alberi. Molti sono abbastanza piccoli da non causare grandi problemi, ma alcuni sono enormi e molto difficili da aggirare. La mia ipotesi è che ci vorrà un bel po’ di tempo per liberare completamente la strada, quindi se state percorrendo la VF, fate attenzione. (Ho tenuto una nota delle sezioni più colpite, e sono felice di fornire maggiori informazioni se questo può essere utile).

Il tratto francese

Camminare nel nord della Francia durante il mese di febbraio non è facile. L’alloggio è difficile da trovare a volte, anche se non impossibile. Non sono mai rimasta senza letto, anche se una volta ho dovuto fare un giro mostruoso quando ho scoperto che tutti gli hotel del tratto che stavo percorrendo erano già stati prenotati. La maggior parte dei campeggi sono chiusi fino al 1 ° aprile, quindi ricordatevi che d’inverno le opzioni di alloggio sono molto poche. (Dormire in tenda d’inverno è decisamente troppo freddo in ogni caso). Tuttavia, ho trascorso una notte fantastica in una roulotte nel Camping des Hortensias. Ci sono state due occasioni in cui ho avuto bisogno del mio sacco a pelo perché i piumini non erano forniti.

Solitudine

Non ho incontrato altri pellegrini durante il cammino e ho trascorso la maggior parte del mio tempo completamente sola nella campagna. La solitudine è una vera prova di forza e sicuramente qualcosa da tenere a mente se state pianificando il vostro cammino in un periodo simile dell’anno. Ad ogni modo questa solitudine ha influito molto sugli incontri con i gestori degli ostelli/b&b dei pellegrini e altri host lungo la strada. Li ha resi più speciali.

Pochi negozi

Pochi dei villaggi che si attraversano hanno negozi, e quelli che li hanno sono di solito sono chiusi tra le 12.30-15.30. Se sei come me e ti piace fermarti nel mezzo di una lunga giornata di cammino per un caffè o una birra, nel nord della Francia questo non sarà possibile. Meglio comprare il cibo dove si può.

Spero che queste informazioni vi siano utili. Spero anche che niente di quanto ho scritto sopra possa scoraggiare qualcuno. Si tratta di un’avventura incredibile, e le sfide alla fine rendono  il viaggio solo più piacevole e soddisfacente!


Visita la sezione sulla Via Francigena  🥾

o leggi altri racconti di viaggi lenti a piedi 🚶🏽‍♀️




About Mika 3 Articles
Viaggio un mese sì e uno no. Se non sono circondata da boschi, foreste e montagne mi vengono le crisi d'ansia. Animale preferito: il cavallo. Mi piace leggere libri e scambiarli con gli amici. Infine condividere conoscenze & filosofie alternative con altri spiriti affini. In breve: una ragazza con uno spirito hippie e una forte sete d'avventure. 🤭

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*