L’Alcazar di Segovia in Spagna patrimonio mondiale dell’Unesco

Alcazar di Segovia, Castello, Spagna, Disney
- Foto di Jose Gallardo (pexels)

Un castello spagnolo tra fiaba e realtà

L’Alcazar di Segovia è un magnifico esempio di architettura medievale, situato nella città di Segovia, in Spagna. La sua storia è ricca e affascinante, essendo stato importante testimone di diversi periodi storici della regione.

Cos’è un Alcazar?

Il termine “Alcazar” è di origine araba e significa “fortezza” o “palazzo fortificato”. Questa parola è stata adottata nella lingua spagnola durante il periodo della dominazione islamica nella penisola iberica. Gli Alcazar sono quindi strutture fortificate che servivano sia da residenze reali sia da basi militari. L’Alcazar di Segovia rappresenta uno dei più notevoli esempi di questi edifici in Spagna.

Alcazar di Segovia
– Foto di “Enrique” via pexels

Storia

La storia dell’Alcazar di Segovia inizia probabilmente nel periodo romano, ma la sua importanza cresce notevolmente durante il Medioevo. Durante il regno di Alfonso VI di León e Castiglia, l’Alcazar divenne un importante punto di difesa contro gli attacchi. La sua posizione strategica su una roccia, alla confluenza di due fiumi, lo rendeva particolarmente difendibile.

Con il passare dei secoli, l’Alcazar ha subito molte modifiche e restauri, riflettendo gli stili architettonici e le necessità di ogni epoca. Durante il regno di Alfonso X il Saggio nel XIII secolo, il palazzo fu ampliato e abbellito, diventando più una residenza reale che una semplice fortezza. Nel periodo dei Re Cattolici, alla fine del XV e all’inizio del XVI secolo, l’Alcazar assunse un aspetto più elegante e raffinato, con l’aggiunta di decorazioni gotiche e rinascimentali.

Alcazar di Segovia
– Foto di Jo Kassis

L’alcazar di Segovia nei media

Una delle caratteristiche più distintive dell’Alcazar di Segovia è la sua forma, che ricorda la prua di una nave. Questa peculiarità gli conferisce un aspetto quasi fiabesco, tanto che si dice abbia ispirato alcuni castelli dei film di animazione Disney. Anche se non esistono conferme ufficiali da parte degli sviluppatori, alcuni fans del videogioco di Resident Evil pensano che potrebbe aver ispirato il castello che appare nel quarto titolo della saga (Resident Evil 4), la cui storia è ambientata in un villaggio fittizio della Spagna. Le sue torri e le mura merlate, insieme ai tetti a spiovente, contribuiscono certamente a creare un’immagine incantata e dal fascino antico.

Alcazar di Segovia, castelli, Spagna
– Foto di Jose Francisco Fernandez Saura

Patrimonio dell’Umanità

All’interno, l’Alcazar ospita ambienti storici riccamente decorati, come la Sala del Trono, la Sala dei Re, e la Cappella. Questi spazi mostrano affreschi, arazzi e mobili d’epoca, offrendo uno spaccato della vita reale e della storia spagnola.

Nonostante le sue origini antiche, l’Alcazar ha continuato a giocare un ruolo importante anche nei secoli successivi. Nel XIX secolo, per esempio, fu utilizzato come prigione militare. Un grande incendio nel 1862 lo danneggiò gravemente, ma fu successivamente restaurato, riportandolo al suo antico splendore.

Oggi l’Alcazar di Segovia è una delle maggiori attrazioni turistiche della città e viene visitato ogni anno da migliaia di persone. È anche un luogo di interesse culturale e storico, essendo stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, insieme al resto del centro storico di Segovia.

Alcazar di Segovia
– Foto di “Enrique” (pexels)

Oltre ad essere un esempio straordinario di architettura militare e reale, l’Alcazar di Segovia è un simbolo della ricca storia spagnola. Le sue mura raccontano storie di re e regine, guerre e pace, splendore e decadenza: è dunque un luogo affascinante e imperdibile per chiunque sia interessato alla storia e alla cultura spagnola.


Si può visitare l’Alcazar di Segovia?


L’Alcazar di Segovia è aperto al pubblico e può essere visitato. È una delle attrazioni turistiche più popolari di Segovia e offre ai visitatori la possibilità di esplorare le sue stanze storiche, ammirare l’architettura, e godere delle viste panoramiche dalla sua posizione elevata.

Quando si visita l’Alcazar, è possibile percorrere i vari ambienti del castello, come la Sala del Trono, la Sala dei Re, e la Cappella, dove si possono ammirare affreschi, arazzi e mobili antichi. Inoltre, in alcuni periodi dell’anno, è possibile salire sulla Torre de Juan II, da cui si gode una vista spettacolare sulla città e sui dintorni.

L’Alcazar ospita anche un museo militare, che espone armature, armi e altri oggetti legati alla storia militare spagnola. Questo offre una prospettiva più approfondita sul ruolo dell’Alcazar come fortezza militare nel corso dei secoli.

Prima di visitare, è consigliabile verificare sul sito ufficiale gli orari di apertura e le eventuali restrizioni o modifiche dovute a manutenzione o eventi speciali. Inoltre, durante i periodi di maggiore affluenza turistica, come l’estate, potrebbe essere utile prenotare i biglietti in anticipo per evitare lunghe attese.

Alcazar di Segovia
– Foto di Jose Francisco Fernandez Saura (pexels)

Orari di apertura

L’Alcázar di Segovia è aperto tutti i giorni con orario continuato. In inverno, dal 1 novembre al 31 marzo, è aperto dalle 10:00 alle 18:00, mentre in estate, dal 1 aprile al 31 ottobre, dalle 10:00 alle 20:00. Ci sono giorni di chiusura o con orario ridotto, come il 25 dicembre, 1 e 6 gennaio, e 12 giugno (chiusura completa), e il 24 e 31 dicembre e 5 gennaio (apertura fino alle 14:30). Questi orari possono subire modifiche in occasioni speciali.

I viaggiatori possono acquistare i biglietti e accedere all’Alcázar fino a mezz’ora prima della chiusura. Il tempo consigliato per la visita del Palazzo e del Museo è di circa 40-45 minuti, mentre la visita alla Torre de Juan II non deve superare i 25 minuti. I biglietti per le visite guidate sono disponibili alle biglietterie fino a 5 minuti prima dell’inizio, anche per chi ha già il biglietto acquistato online (scontato), a seconda della disponibilità. Per evitare attese e assicurarsi la visita, si consiglia di acquistare i biglietti in anticipo online, specialmente nei giorni di maggiore affluenza.

Tariffe (aggiornato al 2023)

Le tariffe per i visitatori che acquistano i biglietti direttamente alle biglietterie dell’Alcázar (situata nella Casa de la Química, vicino alla fortezza) sono le seguenti:

  • Tariffa Generale:
    • Entrata Completa (10,00€): Include l’accesso alle sale del Palazzo, al Museo dell’Artiglieria e alla Torre de Juan II, da cui si gode una vista eccezionale su Segovia. L’accesso alla Torre, che ha 152 gradini in una stretta scala a chiocciola, è limitato: non è accessibile a persone con difficoltà di mobilità e ai minori non accompagnati.
    • Palazzo e Museo dell’Artiglieria (7,00€): Comprende la visita alle sale del Palazzo e l’ingresso al Museo dell’Artiglieria, senza accesso alla Torre de Juan II. È consigliata per coloro che non possono salire la Torre per motivi di mobilità ridotta o problemi di salute.
  • Tariffe Ridotte e Gratuite:
    • Entrata Ridotta (8,00€): Valida per minori dai 6 ai 16 anni, studenti, famiglie numerose, over 65, persone con disabilità (dal 33%), e disoccupati. Include l’accesso completo a Palazzo, Museo dell’Artiglieria e Torre de Juan II.
    • Entrata Gratuita: Disponibile per minori di 6 anni, persone con disabilità (65% o superiore) e il loro accompagnatore (se necessario), e guide turistiche ufficiali (solo acquisto in biglietteria).

Per accedere all’Alcázar è necessaria la documentazione che attesti il diritto alla gratuità o tariffa ridotta. La salita alla Torre de Juan II, a causa dei suoi 152 gradini in una scala a chiocciola stretta, non è consigliata a persone con problemi di salute o mobilità.


Posizione del castello su GoogleMaps 📍


 

Raggiungere Segovia

Segovia, dichiarata Patrimonio dell’Umanità, vanta tre monumenti imperdibili: l’acquedotto romano, la Cattedrale di Nostra Signora dell’Assunzione e San Frutos e l’Alcázar. La città offre molto di più: chiese romaniche, il quartiere delle canoniche (raro esempio di architettura romanica civile in Europa), il quartiere ebraico restaurato, case nobiliari, viste panoramiche e il verde intorno alle mura, perfetto per passeggiate lungo i fiumi Eresma e Clamores.

La gastronomia locale include cochinillo, cordero asado, judiones de La Granja, sopas de ajo e il ponche segoviano. Segovia offre anche un ricco calendario culturale con festival internazionali.

Facilmente raggiungibile da Madrid, Segovia invita a esplorare a piedi, soprattutto l’Alcázar, dato che le opzioni di parcheggio sono limitate.

acquedotto Segovia, rovine antiche, Antichi romani, Spagna con lentezza
– foto di Jo Cassis (pexels)

Alcazar di Segovia: foto gallery


Visita la sezione “Meraviglie del Mondo” oppure Patrimoni mondiali dell’Unesco 🏛️





About Redazione 602 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti. Scrivici ✍️😊📝

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*