800 giorni di volonturismo in tutto il mondo con i nostri bambini piccoli

Una famiglia spagnola con bambini piccoli e il loro viaggio intorno al mondo

Ciao famiglia nomade! Avete viaggiato per 800 giorni facendo il giro del globo. Raccontateci un po’ di voi.

Siamo una famiglia spagnola con due bambini, di 7 e di 2 anni. In realtà è tutta la vita che viaggiamo anche prima di aver avuto dei bambini. Da poco siamo tornati a casa dai nostri viaggi, dopo 772 giorni in giro per il mondo. Siamo stati in Asia, Oceania e America.

Com’è iniziato il vostro stile di vita nomade?

nomad family, voluntouringQuando è nato l’ultimo figlio, tre anni fa, abbiamo deciso che la scelta migliore per restare uniti era viaggiare per tutto il mondo. Abbiamo viaggiato in Europa e poi in Cina con un biglietto di sola andata. Non abbiamo programmato nient’altro. Da lì in poi ci aspettavamo solo di viaggiare il più possibile per tutto il globo.

Abbiamo creato il nostro sito web di viaggi, subito dopo aver  avuto i bambini. È come un diario dove annotiamo tante informazioni interessanti, soprattutto riguardo ai viaggi con i bambini: i migliori posti, i consigli, le esperienze di viaggio a basso costo e lente… Tuttavia, abbiamo anche storie di avventure di genitori in solitaria. Onestamente, il sito richiede molto lavoro, ma siamo lenti non solo nel viaggiare ma anche sui nostri social media: usiamo Instagram (dall’ultimo viaggio), Facebook e Twitter. Abbiamo anche un canale Youtube ma cerchiamo “amanti” e non “follower”.

Com’è possibile riuscire a viaggiare per così tanto tempo spendendo poco?

Per prima cosa cerchiamo di non spendere molto, solo le spese necessarie, quindi gas e cibo. Poi evitiamo i luoghi più turistici.

Naturalmente, abbiamo usato Couchsurfing (nel nostro ultimo viaggio siamo stati ospitati da più di 100 famiglie) anche noi abbiamo usato altri siti web come hospitality club e Servas. Inoltre, ci siamo offerti volontari utilizzando le più famose piattaforme di volonturismo. Questi siti web forniscono cibo e alloggio in cambio di diverse ore di lavoro.

Abbiamo anche utilizzato lo scambio di case soprattutto in luoghi in cui l’alloggio è costoso.

La maggior parte dei giorni nel nostro ultimo viaggio abbiamo dormito  su un autobus 77VW quindi non abbiamo dovuto pagare per dormire. Viaggiare a lungo con la propria auto, il furgone o la roulotte, è un ottimo modo per risparmiare denaro. In tal modo è sufficiente avere un piccolo budget per potersi permettere il resto (cibo, cucina, e altre cose personali).

Viaggiare in aereo può essere costoso, comunque ci sono alcune buone offerte che si possono sempre trovare se si prenota con uno o più mesi di anticipo. I voli indiretti o quelli lunghi sono i più economici.

Qual è il ricordo più bello?

Probabilmente è stato quando il nostro piccolo ha iniziato a camminare, eravamo in Messico.

In generale, ovunque tu sia, puoi collezionare bei ricordi: puoi trovare luoghi accoglienti e persone simpatiche. Quando vivi la stessa routine è difficile incontrare persone interessanti.

Il miglior cibo che avete provato?

Crediamo che il cibo più buono che abbiamo mangiato sia stato quello Giapponese.

Qual è, per voi, il vero significato del viaggio?

Per noi, il vero significato del viaggio dovrebbe essere condividere le esperienze insieme e semplicemente vivere il momento presente, ovunque voi siate. Inoltre, è importante tenersi fuori dalla routine ed evitare di perdere tempo sui Social Media, che ci porta via troppo tempo: è meglio trascorrerlo piuttosto con i nostri bambini!

Come vi preparate per un nuovo viaggio? Cosa mettete nel vostro bagaglio?

famiglie nomadiCi dimentichiamo sempre molte cose da mettere nel nostro bagaglio, ma non è un problema: possiamo comprare vestiti o altre cose ovunque andiamo, specialmente se viaggiamo per un lungo periodo e con i bambini (che crescono molto velocemente); inoltre, ogni paese ha un clima diverso a cui è necessario adattarsi.

Insomma, il “backpacking” è una parte molto stressante per la maggior parte delle persone. La scelta migliore, per noi, è non preparare nulla! Tutto il necessario sarà eventualmente fornito dal viaggio.

Cosa ne pensate del turismo tradizionale? Risorsa o sfruttamento?

All’inizio, viaggiavamo come normali turisti ma, finalmente, abbiamo iniziato a viaggiare lentamente e abbiamo smesso di correre.

Abbiamo camminato a lungo e abbiamo sempre cercato di fonderci con la cultura locale. Il turismo tradizionale è troppo comodo e facile per noi.

Il turismo esiste affinché la maggior parte delle persone possa avere un mese di riposo dal lavoro e affinché altre persone, “i locali”, possano sopravvivere economicamente.

E i lati negativi del viaggio con la famiglia?

Il modo migliore di viaggiare è…  da ragazza in solitaria!

Viaggiare con altre persone è più complesso, specialmente con i bambini piccoli: in molti posti i bambini non sono benvenuti. Inoltre, i piccoli si ammalano facilmente, sono molto vulnerabili; il budget richiesto per un viaggio del genere è senza dubbio più alto. Ultima cosa, ma non meno importante, è necessario adeguarsi alle loro necessità per l’intero viaggio.

È molto difficile viaggiare a basso costo con la famiglia.

Consigliereste la vostra esperienza ad altre famiglie?

Consigliamo di lasciare la paura a casa e non pianificare troppo il viaggio. Le cose non saranno mai come te le aspetti in ogni caso!

Cosa ne pensate dello Slow Travel?

Il viaggio lento è molto importante soprattutto quando lo fai con i bambini. Un viaggio frettoloso potrebbe stancante, poiché si deve correre da un posto all’altro, con lo stress di far calzare tutti i piani alla perfezione.

Un messaggio che vorreste lasciare ai lettori e ad altre aspiranti famiglie nomadi

Ogni viaggio deve essere diverso per ogni individuo o famiglia. Non copiate il modo di viaggiare di altre persone solo perché hanno un sito con foto attraenti. Quello che vediamo oggi su Travel Blog Magazine è semplicemente ‘virtuale’: dietro questi siti web, c’è spesso una realtà diversa. Potete incontrare persone straordinarie “on the road”, sulla strada, in un vero viaggio, tutti i giorni.

Siamo stati molto frustrati con i nostri incontri “virtuali” durante le nostre esperienze di viaggio, ma abbiamo imparato la lezione e continueremo ad imparare più lezioni nella vita!

Quindi siate voi stessi e create il vostro viaggio personale!

Restate in contatto con questa Nomad family:

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/lestrellaviajera

Sito Web: https://laestrellaviajera.com/

Leggi di un’altra famiglia nomade: incontra i Baldeo una famiglia di volontari in un viaggio intorno al mondo

via voluntouring.org

nomad family, famiglia nomade

About Redazione 208 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*