Il sentiero nazionale scozzese (Scottish National Trail)

viaggi a piedi, cammini, scozia, scozzese, mucca scozzese, vacca, corna, pelo, animale, viaggiare con lentezza, highlands

Lo Scottish National Trail è un percorso a piedi di 864 chilometri che attraversa la Scozia da Kirk Yetholm a Cape Wrath.

Ideato dallo scrittore e conduttore televisivo Cameron McNeish, il sentiero offre una camminata molto varia, seguendo sentieri consolidati per gran parte della distanza, ma diventando progressivamente più difficile man mano che ci si dirige verso nord, finendo con un duro tratto escursionistico – con alcuni terreni addirittura senza sentiero e piuttosto impegnativi – sul tratto finale del Cape Wrath Trail (sentiero del promontorio di Wrath -👈 clicca qui per leggere a proposito di questo percorso).

Il sentiero

Il sentiero inizia a Kirk Yetholm negli “Scottish Borders” (confini scozzesi). Si tratta del punto finale di un altro famoso sentiero escursionistico inglese chiamato “Pennine Way” – la Via Pennina“. Il sentiero nazionale scozzese, segue parte della St Cuthbert’s Way (altro percorso escursionistico) verso nord fino alla città di Melrose con la sua pittoresca abbazia, e poi segue il corso della Southern Upland Way fino a Traquair.

Guarda la mappa:

 

viaggi a piedi, cammini, scozia, scozzese, mucca scozzese, vacca, corna, pelo, animale, viaggiare con lentezza, highlands
Clicca per guardare la mappa su FATMAP. – se non vedi l’immagine scorri in basso fino alla sezione INFORMATIVA PRIVACY e modifica i consensi.

Il percorso corre lungo il fiume Tweed fino a Peebles prima di salire sulle Meldon Hills e poi sulle Pentlands per raggiungere la capitale, Edimburgo. Le alzaie dei canali permettono di camminare facilmente lungo l’Union Canal fino a Linlithgow e alla sorprendente Falkirk Wheel. Il Forth and Clyde Canal porta il percorso fino ai margini settentrionali di Glasgow prima di dirigersi a nord per unirsi alla West Highland Way a Milngavie. A Drymen il percorso cambia per seguire la Rob Roy Way fino a Callander, prima che un tratto più selvaggio passi attraverso Comrie e attraverso le colline e le valli del Perthshire fino ad Aberfeldy e poi Pitlochy.

La valle scozzese “glen”. Glen Tilt – By Anne Burgess, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9303959

Da Blair Atholl è la prima sezione del percorso che richiede lo zaino in spalla, passando per i gloriosi Glen Tilt e Glen Feshie attraverso il Cairngorms National Park.

Il Corrieyairack Pass conduce poi attraverso il Monadhliath a Fort Augustus e al Great Glen. La Great Glen Way viene seguita brevemente prima che il percorso porti attraverso Glen Garry e alle grandi montagne di Kintail.

A questo punto il percorso si unisce al Cape Wrath Trail – un percorso più impegnativo per i backpackers. Anche le ricompense aumentano, con le glorie delle drammatiche Highlands occidentali – le cascate di Glomach, la natura selvaggia di Monar e la Great Wilderness di Letterewe oltre Kinlochewe. Il percorso attraversa un paese selvaggio fino a Oykel Bridge e poi verso nord fino a Inchnadamph e nel Sutherland. Un ultimo tratto selvaggio conduce attraverso questa terra solitaria, passando l’iconica spiaggia di Sandwood Bay sulla strada per Cape Wrath – e la fine del viaggio.

La guida di Walkhighlands

Il sito web Walker’s Walkhighlands ha prodotto una serie di descrizioni dettagliate delle tappe che coprono l’intero percorso – scritte da ricercatori sul campo che hanno percorso ogni passo del cammino. Purtroppo i testi sono in inglese (scrivici se hai bisogno di una traduzione). Ogni tappa è illustrata da una serie di fotografie e con la mappatura Ordnance Survey, oltre ad offrire il download in formato GPX per l’uso in dispositivi GPS.

Se ti registri sul sito, puoi anche segnare ogni tappa del percorso man mano che la completi, tenendo un registro dei tuoi progressi verso il completamento dell’intera passeggiata.

Accedi alla guida dettagliata dello Scottish National Trail qui.



Le sfide lungo il percorso del Scottish National Trail

Lungo la sua lunghezza, lo Scottish National Trail ha sezioni varie che piaceranno ad ogni tipo di camminatore. Diventa progressivamente più difficile man mano che procede verso nord, diventando alla fine molto impegnativo, soprattutto attraverso i paesaggi più selvaggi delle Highlands scozzesi.

La parte più semplice

La sezione degli “Scottish Borders” segue una serie di sentieri segnati e consolidati, con una discreta quantità di salite e discese. Questa parte dovrebbe piacere a chiunque sia un camminatore regolare. La parte attraverso la fascia centrale segue le alzaie dei canali; anche qui la camminata è più facile. Anche la sezione sulla West Highland Way e sulla Rob Roy Way fino a Callander è abbastanza semplice. Dopo Callander la strada può diventare più dura.

L’inizio del sentiero impegnativo

Il faro di Cape Wrath – By Christine Matthews, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=446111

C’è un attraversamento del fiume senza ponte nella tappa successiva fino a Comrie, e potrebbe essere necessario avere una tenda, a meno che non si organizzi un pick-up (ovvero farsi venire a prendere) per superare il tratto fino ad Aberfeldy. Da Blair Atholl il percorso si imbarca in una selvaggia traversata di 3 giorni dei Cairngorms catena montuosa delle Highlands.  A parte l’attraversamento potenzialmente difficile del fiume, il percorso segue sentieri stabili, ma sarà necessario portare una tenda e delle provviste.

Più tardi il percorso si unisce al Cape Wrath Trail. Il sentiero del “Capo di Wrath” o “Promontorio di Wrath” attraversa un paese molto selvaggio e si rivolge soprattutto ai camminatori e agli escursionisti più esperti. Rifugi e rifornimenti si incontrano irregolarmente e hanno bisogno di una pianificazione anticipata. In condizioni di piena alcuni fiumi possono essere impraticabili. Seguire il percorso richiede abilità di orientamento e ci sono molte sezioni in cui il sentiero non è segnato.

Approfondimenti

Anche se la sfida più grande è quella di completare il cammino in un’unica sessione – impiegando circa 5 settimane – è più usuale affrontarlo in tappe diverse e isolate. Il sito Walkhighlands , citato sopra, permette agli utenti di registrare quali sezioni hanno già percorso, in modo da completare l’intero percorso a tappe in momenti diversi.

Per approfondimenti visita il sito ufficiale (in inglese): https://www.scottishnationaltrail.org.uk 👈


Vai alla sezione Cammini e viaggi a piedi o Percorsi escursionistici

 



About Redazione 339 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

1 Trackback / Pingback

  1. Le escursioni più belle del mondo – Viaggiare con lentezza

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*