Volete imparare l’inglese in Irlanda? Seguite il mio consiglio!

Imparare l'inglese in Irlanda

Imparare l’inglese in Irlanda gratuitamente

In Irlanda ci sono molti viaggiatori italiani che vorrebbero restare più a lungo in questa bellissima terra per imparare la lingua inglese, ma magari hanno difficoltà economiche o non riescono a trovare un lavoro. Ecco, mi rivolgo soprattutto a loro, ma anche ad altri giovani e adulti che vogliono semplicemente vivere esperienze alternative in questo magico paese. Non cercate un lavoro, non iscrivetevi ad una scuola, leggete attentamente cosa vi suggerisco di fare.
  

Tutti scelgono il college ma…

college in irlanda
Il CEC: cork english colleg

Circa tre anni fa sono stato per la prima volta in Irlanda, ospite pagante di una famiglia Irlandese e studente di una scuola locale (la C.E.C. di Cork, quella in foto). Il tutto è durato un mese dopo il quale sono dovuto ritornare in Italia. Durante questo tempo ho calcolato di aver speso circa duemila euro(!!), fra i trasporti, il viaggio in aereo, i pagamenti per la famiglia, la scuola, le serate nei pub e le escursioni con i nuovi amici. Sono tantissimi soldi, lo so.

Le agenzie Italo-Irlandesi presenti in loco avrebbero dovuto aiutarmi a risparmiare denaro, affrontare la burocrazia varia, inserirmi nell’ambiente di città (ed in parte ci sono riusciti) ma alla fine ho avuto la sensazione di aver pagato molto di più di quel che il servizio ha offerto. Mi sono divertito molto con gli amici del college ma un mese è stato davvero poco e i soldi spesi troppi. Il rapporto con la famiglia irlandese è stato buono,  ma la loro cordialità e la loro ospitalità mi sembravano fittizie. Sentivo che ero lì solo perché li stavo pagando…

Delusioni linguistiche

Famiglia irlandese
La mia famiglia irlandese

La cosa più seccante è che in quelle settimane non sono riuscito a migliorare il mio inglese, almeno non abbastanza da soddisfare le mie aspettative e da consolarmi per la spesa effettuata; nelle scuole inglesi gli insegnanti sono in gamba, ma le ore svolte con loro pochissime. In particolare, più ore di lezioni decidevo di svolgere, più dovevo pagare. Insomma, ho speso una barca di soldi e ho ottenuto in generale scarsi risultati.

Per il resto del tempo ho intrattenuto conversazioni interessanti con gli studenti internazionali del college, che tuttavia non parlano bene la lingua anglosassone e non hanno nulla a che vedere, culturalmente parlando, con l’Irlanda e le sue tradizioni.
 
Simon Dabbicco
La mia prima esperienza di viaggio in Irlanda è stata fantastica, ma molto dispendiosa.

Sono tornato in Irlanda qualche settimana dopo, ma stavolta ho fatto W.W.O.O.F(world wide opportunities on organic farms) ovvero volontariato nelle fattorie biologiche in cambio di vitto ed alloggio.

Un alternativa per imparare l’inglese gratuitamente e vivere la cultura del posto

wwoof
The seven direction, Castlemartyr, Cork, Irlanda. Wwoofers in un momento di riposo


Diverse ore di volontariato
 al giorno nel bel mezzo del verde irlandese mi hanno permesso di soggiornare più a lungo, meglio, e a costo zero in questa bellissima isola. In questo modo, sono finalmente riuscito a entrare nel vivo dell’Irlanda, a cogliere la magia e lo splendore di questa terra sorprendente, la sua cultura e l’atmosfera delle serate nei pub con i veri irlandesi. Lontano dalle città, nelle periferie di campagna, ho potuto respirare l’aria, l’ autenticità e le energie tipiche di questo paese fantastico, popolato da gente stupenda! Dublino e Cork sono due bellissime città, ma bastano pochi giorni per visitarle. Io sono convinto che la bellezza dell’Irlanda risieda fuori dai centri urbani e dagli ambienti turistici. Per altre informazioni sul wwoof e le sue attività vi rimando ai numerosi post presenti su questo sito, in particolare questi due articoli: il wwoof, e tutte le domande sul wwoof.

Simone Dabbicco
Pedalare in un villaggio nei pressi di Cork

[Leggi: una fantastica storia di wwoofing in Italia qui] 

Un’altra soluzione economica per vivere un prezioso scambio culturale

couchsurfingIn Irlanda, dunque, sono rimasto diversi mesi, senza troppe preoccupazioni economiche grazie al wwoof. Ho viaggiato anche facendo Couch-surfing, ovvero facendomi ospitare GRATIS dalle famiglie e dai giovani irlandesi che mettono a disposizione il loro pavimento, divano o letti vuoti disponibili, ai turisti ed ai viandanti. Poiché stavo sempre a contatto con la gente del posto il mio inglese è migliorato moltissimo, i miei portafogli non hanno patito ed il mio bagaglio di esperienze si è arricchito molto.

Qualche mese più tardi sono tornato alla CEC per rivedere alcuni miei amici di college che hanno continuato a frequentarla per tutti quei mesi successivi. Alcuni di loro -me lo ricorderò sempre con molta soddisfazione- sono rimasti sbalorditi dalla scioltezza che avevo acquisito nella conversazione inglese. Io, al contrario, ho avuto l’impressione che il loro studio non li avesse portati molto lontano. Non vorrei sembrare presuntuoso (la mia conoscenza della lingua inglese continua a non essere perfetta, ma giudicate voi) però la mia sensazione è stata proprio questa. Spesso spendiamo troppi soldi in servizi che potrebbero non essere necessari: la lingua straniera si può imparare gratuitamente attraverso la comunicazione, lo scambio e l’incontro libero con gli altri.

Un modo nuovo di viaggiare

couchsurfingNon sono pagato per sponsorizzare il wwoof o associazioni simili e non traggo nessun vantaggio dalla testimonianza che offro in questo post, se non la possibile soddisfazione di vedere presto che altre persone come me decidano di sperimentare un modo diverso di viaggiare, imparare, lavorare, vivere e godere delle gioie semplici della vita.
Con il w.w.o.o.f non si impara solo la lingua. Infatti si possono imparare tante altre cose, come mestieri, abilità, saperi e culture. Si fanno nuove amicizie, si visitano posti insoliti, si possono trovare nuove ispirazioni. Qualcuno potrebbe avere bisogno di queste informazioni, perciò condividete con i vostri amici viaggiatori, se vi sembrano utili!
 

Viaggio come scuola di vita

Il WWOOF mi è piaciuto così tanto che sono tornato a farlo nei mesi successivi -e negli ultimi anni- anche in altre nazioni (Inghilterra, Francia, Spagna e Portogallo) imparando così altre lingue e vivendo nuove avventure. Per me è diventato una scuola, (una scuola che ho letteralmente sostituito all’università), una maniera per riempirmi la vita. Chi mi ha seguito sa bene che, reduce da queste esperienze, avrei poi deciso di fare un viaggio completamente senza spendere soldi assieme alla co-fondatrice di questo blog, Roberta.
Moltissime persone mi hanno scritto chiedendomi più informazioni a riguardo, per questo ho deciso di creare un blog dove poter finalmente parlare di viaggi “lenti”, per chi è assetato di avventure e scoperte o ha bisogno di risparmiare soldi.
 
Spero che questo post sia stato d’aiuto!
Per farmi delle domande potete scrivere alla mia e-mail o alle altre e-mail presenti nel blog.
 
La festa di san Patrizio
Potrebbe anche interessarti il post su La celebrazione del Saint Patrick’s day

Alcuni buoni motivi per visitare l’Irlanda:

About Simone Dabbicco 41 Articles
Viaggiatore, wwoofer e ragazzo curioso da Torino. In viaggio dal 2009, amo scrivere articoli su paesi, comunità, famiglie e villaggi ecologici dove si vivono culture e stili di vita diversi. Per saperne di più sfoglia il blog, oppure cercami su Facebook.

2 Commenti

  1. ciao mi chiamo Davide ho 21 anni Vorrei tanto visitaare questa terra che mia madre dice bellissima Dopoaaver sentito le varie scuole ho visto anche io che sono molto costose Ho preso contatti come ragazzo alla pari ma fino ad ora niente e io voglio partire perimparare la lingua e per viaggiaree fare questa bellissima esperienza mi puoi aiutare? magari mi puoi dare dei n di telefono delle fattorie così mi metto in contatto?grazie

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*