Addio Heidemarie

freegan

vivere senza soldi, Heidemarie SchwermerHeidemarie Schwermer, viaggiatrice, scrittrice, insegnante, psicologa ma soprattutto essere umano stupendo, è mancata ieri notte dopo una lunga battaglia con una rara malattia. La sua storia ci ha profondamente ispirato  – così come ha ispirato migliaia di altre persone– a viaggiare e vivere più liberi dalle possessioni e dai soldi. Il nostro blog deve molto a questa donna.  E’ triste sapere che un’anima così gentile se ne sia andata via, soprattutto in tempi come questi. Tempi che necessitano di persone coraggiose, gentili e premurose. Come Heidemarie.

Addio viaggiatrice lenta.


Heidemarie Schwermer aveva 70 anni. Da 17 anni viveva senza soldi. Lo faceva per principio: non li usava mai, in nessun caso. Era felice e per vent’anni ha vissuto così, in piena salute. Ma come faceva a vivere senza soldi?

Cominciò tutto una mattina quando la donna chiamò il suo padrone di casa e gli disse allegramente che non avrebbe più pagato l’affitto. Poi diede via, gratis, tutti i suoi mobili ai vicini, tenendosi solo una valigia da riempire con l’essenziale. Mentre la preparava, dentro l’alloggio oramai vuoto, all’improvviso cominciò a saltare e ballare di felicità. Era forse impazzita? Forse. In realtà aveva deciso di fare un esperimento: vivere senza soldi e senza beni materiali (eccetto quelli essenziali) per circa un anno intero. Aveva 53 anni quando iniziò questa bizzarra avventura.

“La gente è troppo attaccata ai beni materiali, agli oggetti e ai soldi”.

Diceva.

“Purtroppo non sono consapevoli di quanto poco gli oggetti e i possedimenti ci diano in realtà! Io vorrei dimostrare che un altro stile di vita è possibile”.

Imparare a vivere senza soldi

Dopo che tutte le sue cose furono date via, a Heidemarie rimase solo una piccola cosa da fare: imparare a vivere senza soldi. Per prima cosa, doveva trovare un alloggio. Il piano era: vivere con amici in cambio di sedute di terapia gratuite (la Schwermer era una psicoterapeuta). Tuttavia non c’erano molte persone che volevano avere una terapeuta in casa.

Dovette cambiare approccio.

Iniziò quindi a lavare le finestre nelle case private in cambio di vitto e alloggio. Funzionò alla grande. I suoi servizi gratuiti diventarono presto molto popolari e la Schwermer imparò a vivere senza bisogno di denaro, grazie allo scambio di lavoro manuale. Era sufficiente offrire alle persone i servizi di cui avevano più bisogno. A seconda della famiglia, Heidemarie Schwermer aiutava in giardino, faceva la babysitter, puliva la casa. Per farsi tagliare i capelli, portava a spasso i cani del parrucchiere. Dovette camminare molto in generale, usando i trasporti solo quando un amico o un padrone di casa le pagava il passaggio.

“All’inizio non fu facile”, disse Heidemarie. “Ma la libertà che ho provato ne è valsa la pena”.

Un esperimento di successo

L’esperimento ebbe molto più successo del previsto. Ebbe così tanto successo che continuò a viverlo per 17 interi anni. Questo stile di vita le procurò un immenso piacere e le diede anche una certa popolarità.
Fino alla fine dei suoi giorni non ebbe una casa di sua proprietà. Tutti i suoi averi dovevano stare in una valigia: si trattava di un cambio di vestiti, tre paia di scarpe, un libro, un po’ di trucco e degli occhiali. Non faceva mai acquisti. Aveva accesso a internet e al telefono quando stava dagli amici o dalle persone per cui lavorava o barattava servizi.

All’inizio dell’esperimento, Heidemarie aveva creato un fondo di emergenza. Mise da parte 200 euro nel caso in cui avesse avuto davvero bisogno di soldi. In 17 anni, ha dichiarato di non averli mai dovuti toccare.

“Nel mondo moderno, abbiamo necessità di accumulare continuamente beni. Una necessità che ci trascina dietro per tutta la vita; ma io penso che stia diventando un modo di vivere obsoleto, appartenente al passato”.

Heidemarie era convinta di questo.

Le sue idee non erano infondate. Questo tipo di stile di vita è diventato sempre più popolare. Alcuni anni fa, alcuni giornalisti si interessarono al suo esperimento e condivisero la sua storia alla radio. Ben presto, Heidemarie ricevette inviti ad apparire in televisione e a parlare nelle università di varie città. A quel punto non viveva soltanto senza soldi, ma viaggiava spesso (e completamente gratis) per parlare del suo stile di vita. Gli organizzatori degli eventi le pagavano i biglietti dell’aereo o del treno, e le facevano trovare dei posti accoglienti dove  dormire. La invitavano anche fuori a mangiare ma Heidemarie non amava andare al ristorante. Preferiva mangiare altrove.
Ora aveva anche smesso di lavare le finestre. La sua attività principale era di fare divulgazione su come vivere senza soldi. Come pagamento per i suoi servizi, accettava solo vitto e alloggio.

“Il mondo è impostato in modo tale che è davvero possibile vivere senza avere denaro”

Il suo esperimento durato 17 anni confermò completamente questa sua conclusione. Alcuni anni prima di morire Heidemarie cominciò a ricevere una pensione dallo stato. “All’inizio volevo rinunciarvi”, disse, “ma poi ho cambiato idea”. Heidemarie accettò diligentemente la sua pensione e la donò a chi ne aveva bisogno.

Una delle sue frasi più belle:

Si crede che il denaro sia la chiave che apre tutte le porte. Io sono convinta che siano l’amore e la fiducia la vera chiave.

Il Trailer del film su Heidemarie: Living Without Money 👇

Scopri la storia di Heidemarie Schwermer attraverso il documentario di Living Without Money, (vivere senza soldi).

Leggi la nostra avventura di tre mesi per l’Europa senza spendere soldi.


 

About Redazione 359 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

4 Trackbacks / Pingbacks

  1. Daniel Suelo: l'uomo che ha abbandonato i soldi – Viaggiare con lentezza
  2. Come vivere senza soldi (guida) – Viaggiare con lentezza
  3. Il digiuno fiscale - Riesci a vivere senza soldi per – Viaggiare con lentezza
  4. Fuori dal Sistema - Dall'Italia al Portogallo a caccia di Stili Di Vita Alternativi

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*