Saint Michel de Chambrillanoux: vita da montanari.

wwoofing in Francia

Prima tappa di un lungo viaggio senza spendere soldi.

Wwoof in Francia – Cari amici, ci scusiamo se è trascorso parecchio tempo dal nostro ultimo post, purtroppo abbiamo accesso limitato alla connessione internet. Inoltre, vi ricordiamo che stiamo viaggiando senza spendere soldi! Questo significa che dobbiamo essere molto pazienti e aspettare l’occasione giusta per poter soddisfare le nostre piccole/grandi necessità, compresa quella di connetterci a internet.

Permacultura e bioedilizia

wwoof in francia

Eccoci qui di nuovo a raccontare la nostra avventura: siamo in un posto sperduto di montagna. Un posto isolato, ma a dir poco spettacolare! Ci ospita Agnes, una signora che possiede delle piccole abitazioni di montagna, che affitta per il week-end; oltre a questo, si occupa di moltissime altre cose fra cui: permacultura, yoga, meditazione, alimentazione e agricoltura biologica, digiuno depurativo, piante officinali, costruzioni di muri a secco, arredamento con oggetti di origine naturale. Agnes ha delle lampade in casa fatte con tronchi secchi, rami di salice, pietre, e vasi davvero molto belli!.
Nella foto, la cucina di Agnes 👉
.

Eco-museo

Nella proprietà della nostra host francese c’è anche un interessante museo: il museo delle eco-terrazze (guarda il sito)! La visita consiste in un percorso tra le terrazze con spiegazioni sul paesaggio, sulla natura del posto, sui modi di coltivare e di vivere in questa zona agli inizi del secolo scorso.
.

L’accordo di ospitalità

Come forse già sapete, viaggiare senza soldi non significa vivere gratis: stiamo lavorando per barattare vitto e alloggio. In particolare, stiamo svolgendo alcuni lavori agricoli per la signora francese.

Il primo giorno di lavoro abbiamo usato 2 piccoli trattori: uno per tagliare l’erba e l’altro per caricare la legna (quest’ultimo trattore è volato giù da un piccolo dirupo mentre Roberta lo stava conducendo! Discesa troppo pendente, perdita di controllo, e mezzo che finisce giù dal terrazzo. Per fortuna il carretto non s’è rotto e Agnes l’ha presa sul ridere!😅). Abbiamo tagliato delle ginestre che useremo per costruire dei ripari affinché le piante dell’orto non prendano troppo sole. Successivamente ci siamo dedicati ad alcuni lavori di carpenteria, al giardinaggio, infine abbiamo cucinato, tutto rigorosamente bio: Agnes è una salutista convinta!

Foto della nostra esperienza all’eco Museo delle Terrazze in Francia 👇

wwoof in Francia
WWOOFERS in azione: Tagliare l’erba, innaffiare l’orto, zappare e poi godersi il tramonto, stanchi, prima di andare a dormire.

Che fatica!

Aiutiamo la signora francese per circa quattro ore al giorno, ma i lavori non sono affatto leggeri. Agnes, signora gracile e asciutta, è davvero straordinaria e non riusciamo a capire come riesca a trovare le energie e la forza per occuparsi di così tante attività da sola!
Tutta la fatica che stiamo provando fa parte dell’esperienza che cercavamo: vivere uno stile di vita nuovo, imparare il più possibile nuovi mestieri e utilizzare le nostre energie per qualcosa che ci sembra importante: ad esempio, dare una mano ad organizzazioni o individui che, da tempo, cercano di rispettare l’ambiente e vivere in sintonia con la natura.

wwoof in franciaCome potete leggere, e osservare dalle immagini,👈 vivere senza soldi non significa affatto dormire sugli allori (e nemmeno vivere sulle spalle degli altri!). Stiamo lavorando davvero molto, anche se non ci manca il tempo libero e l’ambiente è davvero incantevole.

Al prossimo aggiornamento!

Purtroppo l’accesso a internet è molto limitato qui e abbiamo poco tempo per descrivere tutto nel dettaglio. Speriamo di potervi raccontare di più nei prossimi giorni.

Per ora lasciamo che queste prime foto parlino al posto nostro. 😊👇🔍

SFOGLIA LA GALLERY:


Dal diario di viaggio di Roberta & Simone (aggiunta postuma)


Simone:

Oggi è stato il primo vero giorno di “lavoro”. Alle 7.30 abbiamo incontrato l’uomo che avrebbe dovuto spiegarci bene l’incarico, e come usare gli attrezzi. Si chiama Paul, un signore biondo, originario del nord-est della Francia. Si è rivelato molto simpatico e ci ha subito messo a nostro agio. A dir la verità ho l’impressione che ci consideri due pazzi. Non solo perché “viaggiamo senza utilizzare soldi”, ma anche perché lavoriamo “gratis”. 

Il nostro compito è stato quello di tagliare l’erba, liberare i percorsi dai rovi e raccogliere la legna. Verso l’ora di pranzo eravamo già stanchissimi. Ma felici.💪

Roberta:

Per pranzo, un insalata biologica con carote tagliate molto finemente, patate bollite, due barbabietole, uno zucchino, qualche foglia di insalata e di calendula e un po’ di semi di girasole tostati. È bello qui, perché ogni giorno mangiamo insalate diverse, con dentro cose che non pensavamo nemmeno che si potessero mangiare (come alcuni fiori, che si sono rivelati buonissimi)! L’insalata è stata accompagnata da un omelette con dentro spinaci selvatici e gli avanzi dei risotti di ieri: uno ai funghi e uno con i legumi. […]

Mi sono ripresa dallo shock per l’incidente di questa mattina.🤒 Ho fatto capitombolare un trattorino giù per una terrazza con tutta la legna sopra che si è sparsa dappertutto! C’era una discesa piuttosto ripida e fare manovra è stato difficile. Non ho mollato in tempo i comandi per farlo fermare, ed ecco che è volato giù! Un bello spavento. 🤕 Per fortuna, non si è rotto nulla e con un po’ di pazienza siamo riusciti a caricare di nuovo la legna sulla motocarriola. […]

Dopo pranzo ci siamo addormentati nella nostra camera, nella casa in pietra. Poi siamo tornati di nuovo a lavorare nel giardino (anzi nell’orto. Mi confondono i francesi che lo chiamano “Jardin” senza fare distinzione). Su indicazione di Agnes, ci siamo poi messi a raccogliere ortiche per fare una crema: sarebbe stato il condimento della nostra pasta – ricetta che, però, ha fallito! 🥴 Alla fine del lavoro, abbiamo annaffiato le piante.  […]

Roberta:

Agnes pratica la cosiddetta “permacultura“. Ogni giorno impariamo qualcosa di nuovo e interessante!

Per esempio, il suo orto è organizzato in maniera davvero peculiare: ci sono cunette disposte in modo circolare e, sopra di esse, vi sono piantati diversi fiori o piante di verdura. La cosa strana è che sono disposti in maniera promiscua: ci si aspetterebbe di trovare file di pomodori, di carote, o di zucchine. Ed invece le piante sono sparse apparentemente a caso. La terra su cui poggiano è ricoperta completamente di fieno. È una pratica chiamata pacciamatura. Un sistema che permette all’acqua di rimanere più a lungo nel terreno senza evaporare. […]

 


 Leggi l’episodio successivo



About Roberta&Simone 59 Articles
Siamo due ragazzi di Torino che hanno deciso di prendersi del tempo per esplorare l'Europa, senza limiti, senza piani e soprattutto... senza soldi! Ce la faremo? Seguite la nostra avventura!

1 Commento

  1. ciao Roby sn Giulia C!!! ma sei troppo una grande!!!! sn davvero contenta per questa tua grandissima avventura..quando torni sicuramente organiziamo così m racconti tutto..un bacione..e buon viaggio!!!

7 Trackbacks / Pingbacks

  1. Viaggiare senza spendere soldi: l'addio e i primi spostamenti in autostop
  2.  No al nucleare - Una cartolina dalla Francia! – Viaggiare con lentezza
  3. La casa costruita nella roccia - dal viaggio senza soldi.
  4. Ardeche con lentezza e senza denaro- dal viaggio di Roberta e Simone
  5. Wwoof Italia - Una chiacchierata con il presidente Claudio Pozzi
  6. Viaggiare senza soldi: il nostro primo esperimento sociale
  7. Alla ricerca dell'autosufficienza: storie di cambiamento lungo il percorso

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*