Stili di vita alternativi – cosa sono e dove sperimentarli

stili di vita alternativi, meditazione, buddha, spiritualità, slow travel, viaggiare con lentezza

Alcuni esempi di stile di vita alternativo

Che cos’è uno stile di vita alternativo? Su VCL abbiamo creato una sezione apposita per raccogliere gli articoli che parlano di stili di vita alternativi  (clicca per accedervi). Qui sotto, invece, riportiamo una lista con esempi e descrizioni di alcuni modi di vivere che consideriamo alternativi e di cui abbiamo parlato spesso nel blog. Come sempre, scrivici cosa ne pensi nei commenti.

Ti piacerebbe contribuire aiutandoci ad espandere le informazioni del nostro blog con un tuo articolo? Contattaci!

Perché molti vogliono cambiare vita?

I viaggiatori lenti (è così che chiamiamo chi viaggia seguendo rotte non turistiche) vivono spesso avventure fuori dagli schemi. Le loro esperienze  sono così profonde da cambiare per sempre la loro vita. Per molti di questi viaggiatori diventa difficile “tornare indietro” e vivere la stessa esistenza di prima. Se sei un nomade viaggiatore e ti senti solo nelle tue scelte e nei modi di vivere, ti assicuriamo che sei in buona compagnia. Ci sono migliaia, se non milioni, di anime vagabonde là fuori che alla fine finiscono per vivere uno stile di vita alternativo.

viaggiatrice, solitaria, viaggio lento, viaggiare con lentezza, panorama, isola, mare, roccia, scogli, arrampicata, slow

Qui sotto vedremo alcuni esempi di stile di vita alternativo. Non tutti questi modi di vivere possono andarci a genio, ma queste esperienze possono senza dubbio stimolarci e, chi lo sa, indicarci la strada per un nuovo percorso di vita!

Vivere in un Ashram, o in un Tempio

ashram, budda, tempio buddista, vita spirituale, stili di vita alternativi, viaggiare con lentezza, slow travel

Gli ashram sono templi noti per offrire ospitalità e una vita contemplativa. Chi sceglie di vivere in un Ashram è consapevole che dovrà impegnarsi in un lavoro sano e attivo, di tipo comunitario. In molti casi, non dovrai pagare per vivere in questi posti. Si può barattare l’ospitalità offrendo aiuto nelle faccende di casa, in giardino, nell’orto o nella preparazione dei pasti comunitari. In altri casi, sono richieste piccole donazioni per la permanenza.

[Leggi l’esperienza dello slow traveller Valerio in un Ashram]

I templi buddisti offrono uno stile di vita simile, così come alcuni ritiri sufi.

[Leggi l’esperienza della viaggiatrice lenta Francesca, in un centro sufi in Germania]

Anche molti moderni monasteri cristiani possono aprire le porte ai viaggiatori e ai cittadini in modo temporaneo o permanente. Per esempio, vicino al lago di Viverone, in Piemonte, c’è una comunità cristiana che accoglie ospiti e pellegrini purché siano collaborativi e rispettosi (visita il sito del monastero di Bose).

In molti di questi monasteri si vive in silenzio. Il che può essere davvero interessante, soprattutto se vogliamo prenderci una pausa “da tutto”, compreso il dialogo con le persone. Anche se non conosci alcuna comunità monastica, è molto probabile che vicino a dove vivi ce ne sia una. Se la congregazione mistica cristiana non è in grado di accoglierti è possibile che sappia comunque consigliarti altri monasteri dove poter andare per vivere un ritiro.

La vita in un monastero o in un tempio può essere assai formativa. Con la pratica quotidiana, il lavoro in giardino e in cucina, e le innumerevoli conversazioni spirituali con gli altri.

[leggi diventa volontario a villa Vandravana o scopri come trovare chiese che ospitano pellegrini sulla via Francigena]

Vivere in una Rainbow Family – La Famiglia Arcobaleno

tribù, rainbow family, italia, famiglia arcobaleno, hippies, viaggiare con lentezza, slow travel, stile di vita alternativoLa Rainbow Family è una libera associazione di tribù hippie che affonda le sue radici negli anni ’60 e ’70. Molte persone di tutte le età hanno mantenuto uno stile di vita hippie ideale viaggiando da un posto all’altro, formando raduni regionali e vivendo fuori dalla società tradizionale. Alcune di queste tribù hanno accampamenti permanenti o hanno sede in certe città. Altri sono puramente nomadi. Il baratto, di solito, è il mezzo principale che i membri di una Famiglia Arcobaleno usano per scambiarsi beni e servizi. Oltre ad indossare costumi bizzarri e colorati, i membri di una Famiglia Rainbow vivono all’aperto e “alla giornata”. Spesso rimangono diverso tempo senza comodità basiche (come quello di farsi una doccia). A molti hippie piace lavarsi nei fiumi o sotto le cascate, oppure utilizzando docce ecologiche solari.

Si tratta di veri e propri “slow traveller”, gente che vive un sacco di avventure. Molte di essi guadagnano denaro producendo oggetti artistici oppure facendo busking per strada (artisti e musicisti viandanti).

Sono famosi per amare i raduni intorno al fuoco: seduti in cerchio, intonano canti, si raccontano storie e condividono insieme momenti allegri. Spesso fanno il bagno nudi e praticano l’amore libero.

Alcuni associano il raduno Rainbow ad un evento dove ci si scambiano droghe e altre sostanze stupefacenti. In molti casi si tratta di un pregiudizio. Negli autentici raduni Rainbow l’uso di alcool e droghe è proibito.

[Leggi l’esperienza di Miriam nella comunità Rainbow di Beneficio a sud della Spagna]

Per fare parte di un raduno regionale Rainbow puoi iscriverti a uno dei gruppi Facebook dedicati e seguire gli eventi proposti. I canali dove gli Hippie organizzano e comunicano i loro eventi sono piuttosto criptici da trovare. Ai raduni, però, possono accedere tutti, purché rispettosi delle norme e del buon senso necessari per permettere a tali eventi di non degenerare nel caos e non inquinare l’ambiente.

Per saperne di più su questo stile di vita alternativo visita questo sito non ufficiale (non esiste un sito ufficiale per i raduni rainbow family).

Retreat – un ritiro

 

Retreat è una parola inglese che significa centro di ritiro. Ci sono molti centri di ritiro in tutto il mondo che puoi visitare a pagamento (o come volontario) per una o due settimane, o solo per il fine settimana per prenderti una pausa dal tran tran quotidiano.

Cosa puoi fare in un Retreat Center? Potresti, per esempio, prendere lezioni di:

  • meditazione
  • arte
  • ballo,
  • self-help (auto aiuto)
  • workshop artigianali, ecc.

Se deciderai di fare parte di un “centro di ritiro” come volonturista, potrai avere uno assaggio di questo stile di vita alternativo senza spendere soldi. Dovrai occuparti di aiutare i gestori del centro con le pulizie, i lavori nel giardino o nel bosco, oppure il servizio in cucina. Molto spesso i volontari aiutano con l’allestimento dei cosiddetti workshop (laboratori), e altri eventi, ai quali possono quindi partecipare gratuitamente. È uno dei modi più interessanti per viaggiare o semplicemente staccare la spina.

[Leggi anche – vivi al centro di ritiro Nagarjuna come volonturista in Inghilterra]

Fattoria autosufficiente (o Fattorie biologiche)

 

campagna, natura, coppia, cane, viaggiare con lentezza, stili di vita alternativi

wwoof, fattoria biologica, volontaria, volontariato, progetti di volontariato, natura, vita di campagna, ragazza, animali, autosufficienza, asino, stile di vita alternativoLe fattorie biologiche di tutto il mondo hanno spesso bisogno di aiuto, qualificato e non, in particolare durante la stagione del raccolto. Se ti piace lavorare nell’orto, o in giardino, oppure a stretto contatto con gli animali, questo “stile di vita alternativo” potrebbe fare per te. Potresti cominciare lavorando in una fattoria biologica offrendoti come volontario in cambio di vitto ed alloggio gratuiti [scopri come].

Non è difficile trovare opportunità di lavoro e volontariato simili. Molte fattorie, soprattutto quelle non industrializzate, hanno molto lavoro e sono sempre felici di poter ricevere un aiuto da qualcuno. Il lavoro di campagna, comunque, è molto fisico, e duro.

Nel nostro blog abbiamo raccontato molto spesso le esperienze di volon-turisti alle prese con la vita di campagna. Vivere in una fattoria non è uno stile di vita adatto a tutti. Ci si alza presto la mattina e si svolgono lavori manuali. Inutile dire che si tratta di uno stile di vita sano:

  • si impara a coltivare il cibo in modo naturale;
  • ci si impegna in un’attività fisica che rende più sani psicologicamente e fisicamente;
  • si mangia in modo generalmente più sano;
  • si vive con altre persone che amano la natura.

Vuoi vivere in una fattoria biologica/autosufficiente ma non sai da dove cominciare? Leggi quest’articolo sul WWOOF o comincia a sfogliare i progetti di volontariato nelle fattorie (lista gratuita in inglese)

Si può fare volontariato nelle fattorie in tutte le parti del mondo. In genere, se dai una mano in una fattoria puoi ricevere ospitalità gratuita. In alcuni casi, se si è molto in gamba, si può anche essere pagati o diventare soci permanenti della fattoria biologica. Tutto dipende dalle circostanze e dalle proprie abilità.

Leggi il racconto dei viaggiatori Stefano e Rita ospiti volontari in una fattoria biologica in Argentina. Oppure leggi le avventure di Valerio & Betty -viaggiatori a lungo termine nelle fattorie biologiche in Italia.

Centri yoga

Spiritualità, yoga, meditazione, viaggio lento, viaggiare con lentezza, slow travel, stile di vita alternativo

I centri yoga sono luoghi dove il pubblico può andare a fare ritiri yoga.  In questi posti, di solito, i maestri di yoga vanno a vivere per fare lunghi periodi di formazione. Si tratta di uno stile di vita “lento”, piacevole ed equilibrato, con un mix di attività fisica e tempo libero. Persone meravigliose fanno visita regolarmente a questi centri e si ha la possibilità di incontrare molte anime dolci. Nei centri yoga si vive uno stile di vita comunitario.

Per vivere in un centro yoga bisogna pagare un contributo (piccolo o grande a seconda dei servizi offerti). Come nei casi precedenti, si può andare a vivere in un centro yoga gratuitamente offrendosi di dare una mano come volontari. Vedi ad esempio questa lista di opportunità di volontariato in centri yoga.

Se sei un maestro di yoga, o se hai sufficienti conoscenze per insegnare quest’arte, puoi offrire il tuo mestiere in cambio di ospitalità gratuita o compenso monetario da concordare con i gestori del centro.

Co-op (cooperative) o comuni

Le cooperative sono gruppi di persone che uniscono le risorse per condividere beni e servizi necessari, come cibo, alloggio, assistenza sanitaria, ecc. Potrebbero essercene diverse nella tua zona, e a tua insaputa. Le cooperative offrono un senso di comunità e allo stesso tempo permettono di vivere in una città o in un’area urbana.

comune, eco-villaggio, comunità, famiglia felice, stili di vita alternativi

Cosa condividono i membri di una cooperativa? In alcuni casi possono avere in comune le faccende domestiche come le pulizie o la spesa; oppure fanno a rotazione per la preparazione dei pasti che vengono quindi consumati insieme. I membri di una cooperativa hanno in genere orari e attività individuali diversificate rispetto alla vita in una comune, e i membri sono sempre piuttosto liberi di fare le loro cose. Le cooperative sono un ottimo modo per ridurre i costi e vivere con un senso di appartenenza e comunità. Alcune cooperative hanno anche uno scopo sociale ben preciso. Può essere ad esempio un obiettivo ecologico, oppure una causa caritatevole. Unendoti a una cooperativa puoi dare una svolta alla tua vita senza cambiare il paese o la città in cui vivi!

[Leggi l’esperienza di Simone alla Comune di Urupia]

Eco-villaggi & comunità intenzionali

servizio volontario europeo in ecovillaggio

Gli eco-villaggi e le comunità intenzionali possono essere molto vari e diversi fra loro. Alcuni possono focalizzarsi sulla permacultura, l’autosufficienza, la religione, la nudità, la vita “scollegata dalla rete elettrica” (off-the grid), il poli-amore, gli extra-terrestri, e chi più ne ha più ne metta!

Come avrete capito, visitate un eco-villaggio a vostro rischio e pericolo 😜, ma divertitevi!

Gli eco-villaggi sono il massimo per chi desidera cambiare ritmo e vivere una nuova esperienza culturale (se si viene accettati).

I compiti di cui ci si deve occupare in una comunità intenzionale, o eco-villaggio, sono fra i più svariati:

  • Tagliare la legna,
  • Macinare farina di mais,
  • accendere un fuoco.
  • raccogliere frutta e verdura,
  • organizzare workshop & eventi, ecc.

In queste comunità si condivide uno stile di vita comunitario in quasi ogni aspetto della giornata, dal lavoro al pranzo comunitario. L’agricoltura, il lavoro nell’orto, nei laboratori o in cucina occupano gran parte della giornata. Così come condividere il tempo libero con gli altri, imparando, suonando, danzando, raccontandosi storie, giocando con i bambini o camminando insieme nella natura. Le persone che vivono in questi eco-villaggi sembrano vivere in una linea temporale diversa da quella del resto di noi.

[Esplora la sezione sugli eco-villaggi di VCL]

Conosci altri stili di vita alternativi?

Là fuori c’è una comunità e uno stile di vita alternativo adatto a ciascuno di noi.  Basta scegliere in base ai propri valori e interessi.  Alcuni modi di vivere sono più strani di altri. Possono essere solitari o comunitari; in ogni caso possono “riempirci” la vita e cambiarla (si spera in meglio). I modi di vivere che abbiamo elencato possono offrire a coloro che cercano il cambiamento molte opzioni per uscire dagli schemi tradizionali.  Si può trattare di una semplice “tregua” dalla routine oppure di una soluzione permanente. Sappiate che nella vita esistono sempre delle opzioni, anche diverse da quelle elencate. Non sentitevi bloccati dai parametri della società moderna. Scegliete una vita che vi aiuti ad essere felice, che vi porti meno stress e che si adatti a ciò che amate di più!

Insomma, viaggiate, sperimentate e vivete sempre nuove avventure! 🤠


Sei un viaggiatore lento? Ti piacerebbe condividere con noi le tue avventure? Inviaci un tuo racconto!

Vuoi costruire, o hai già un progetto ecologico (eco-villaggio) che vorresti promuovere?

Scrivici una mail 📧 a viaggiareconlentezza@gmail.com📧

wwoof, fattoria biologica, volontaria, volontariato, progetti di volontariato, natura, vita di campagna, ragazza, animali, autosufficienza

About Redazione 291 Articles
Entra nella squadra di viaggiareconlentezza. Condividi con noi i tuoi pensieri, le tue avventure e i tuoi viaggi lenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*